Cerca

La batosta

Lavoro, l'errore madornale del ministero del lavoro di Giuliano Poletti: tutti sbagliati i numeri sui nuovi assunti

Lavoro, l'errore madornale del ministero del lavoro di Giuliano Poletti: tutti sbagliati i numeri sui nuovi assunti

Boom di contratti a tempo indeterminato con il Jobs Act, grande entusiasmo e bottiglie del vino buono stappate per quei 630.858 assunzioni in più tra gennaio e luglio rispetto allo stesso periodo. Due giorni di bagordi per Giuliano Poletti e i tecnici del ministero del Lavoro, prima di scoprire l'errore madornale spiattellato ai quattro venti: i numeri sono tutti sbagliati. L'aumento dei posti di lavoro a tempo indeterminato in realtà è di 327.758. Già il doppio era una cifra sotto le aspettative roboanti del governo sul Jobs act, figuriamoci i numeri dimezzati, ma corretti, pubblicati ieri. Cifre che non riguardano solo gli indeterminati, ma anche i contratti di collaborazione, apprendistato, tutti da rivedere al ribasso.

Tensione - Il consiglio dei ministri di oggi avrebbe dovuto approvare gli ultimi quattro decreti delegati della riforma del lavoro, ma il pasticciaccio brutto di Poletti ha fatto rinviare a periodi più sereni. Nell'imbarazzo però c'è anche un colpo di fortuna per Renzi che può guadagnare tempo ed evitare ricatti dalla sinistra dem. In uno dei decreti da approvare è compresa la normale per la vigilanza delle telecamere sul posto di lavoro, da poter usare non solo per questioni di sicurezza, ma anche disciplinari. Quel dettaglio in commissione Lavoro alla Camera era stato bocciato dai parlamentari, il loro parere non è vincolante, ma ignorarlo potrebbe essere un azzardo. Altro decreto bloccato è quello sulla cassa integrazione portata da tre a due anni massimi, tranne che per le grandi aziende fino al 2017.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eziocanti

    28 Agosto 2015 - 09:09

    .....ma qui siamo in mano a dei veri dilettanti allo sbaraglio; che ne penseranno gli estrimatori di Renfonzie e compagni ? A già, loro mica pensano, non sapendo discernere, seguono pedestremente le indicazioni del partito.....poveretti ...se ne renderanno conto ???? Sinceramente non credo, altrimenti avrebbero cambiato idea da tempo !

    Report

    Rispondi

  • gcura42

    28 Agosto 2015 - 08:08

    Il "COMPAGNO" Poletti da quando è' al ministero si è' imborghesito,sembra anche più bello,ma non ha perso il vizio di dire c . . . . .e.

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    27 Agosto 2015 - 17:05

    Ma cosa pretendono dai ladroni abusivi al governo? Renzi un segaiolo con un Poletti solo gran ciccione capo delle Coop ladrone e mafiose quasi tutte fallite le controllava a Imola Poletti nativo di Spazzate Sassatelli trasferitosi per la gioia dei sassatellesi dopo anni di pulizia dei campi con la scopa a Mordano. Da allora la frazione è diventata Spazzate Liberata da Poletti

    Report

    Rispondi

  • accanove

    27 Agosto 2015 - 15:03

    splendida manifestazione dell'efficienza della PA soprattutto se sotto la direzione comunista, attaccati disperatamente a qualsiasi dato giusto o sbagliato per far fronte alle figuracce ed inefficienza

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog