Cerca

Bacchettate

Romano Prodi: "Ci vuole tempo per la riforma della Costituzione. Twitter? Impedisce le analisi sulle tasse"

Romano Prodi:

Romani Prodi è a Pescia Fiorentina per ritirare il premio internazionale Capalbio-Piazza Magenta per il libro "Missione incompiuta". Missione incompiuta che non si riferisce al risultato dei suoi due governi, che Prodi difende a spada tratta: "Il debito pubblico si è formato prima degli anni '90 e tutti e due i miei governi l’hanno abbattuto. Le disfunzioni quindi sono cominciate prima".

Costituzione - In un'intervista a Repubblica l'ex presidente del Consiglio tocca diversi temi di attualità politica, dalla riforma costituzionale su cui Matteo Renzi sta fortemente premendo l'acceleratore, al leitmotiv del taglio delle tasse che ogni compagine politica promette e promette e raramente mantiene. A proposito delle tanto desiderate modifiche alla carta costituzionale, Romano Prodi afferma: "Mi pare che non sia il momento delle riflessioni serene, da rivedere e da ripensare c'è tanto. Ma oggi ci si muove per contrapposizioni e così non riusciremo a fare una riforma seria. Occorre vedere cosa fare e cosa no. La prima parte della Costituzione ha validità totale, la seconda non ha funzionato bene. Però non mettiamoci mano in modo sguaiato e scoordinato, perché non si arriverebbe a capo di nulla. Ritengo che per questa modifica ci vorrebbe del tempo". Prodi suggerisce dunque più calma, più riflessione e più assennatezza per una delle questioni nevralgiche di questo governo.

Tasse - Romano Prodi critica anche la brutta abitudine della politica italiana di annunciare come strilloni l'imminente abbattimento delle tasse. La logica forte di questo meccanismo è che chi riesce a promettere di più, o meglio tutto a tutti, è colui che vince. Ma è l'irrazionalità a dominare, non una sana politica: "Ecco che si promettono meno tasse, meno tasse e si favorisce l'irrazionalità... a furia di promettere tutto a tutti chi promette di più, vince. E comunque sulle tasse un tempo si facevano analisi politiche serie per valutare tra l’altro dove destinare le imposte, se sulla sanità o sul welfare" afferma Prodi, che poi individua uno dei grandi nemici della corretta gestione del taglio tasse: Twitter. E la stoccata è evidente, sferzata con malcelata nonchalance al premier Matteo Renzi, che dei 160 caratteri vestiti d'azzurro ha fatto uno dei suoi canali prediletti per comunicare con i suoi elettori. È su Twitter che Renzi ha comunicato il taglio di Imu e Tasi. E Romano Prodi sentenzia: "Se c'è chi ti impedisce l'analisi è Twitter". Il social come ostacolo insormontabile a un'approfondita analisi sulla corretta destinazione per gli introiti delle tasse. Il nemico che non ti aspetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • moranma

    10 Ottobre 2015 - 15:03

    Che per Prodi ci volesse più tempo per cambiare la costituzione non è una novità...mi ricordo quando in una sua caricatura dicevano " e io sono qua, fermo, che aspetto"

    Report

    Rispondi

  • francomasanotti

    16 Settembre 2015 - 12:12

    baggianata solenne

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    31 Agosto 2015 - 11:11

    Questo parla con cognizioni di causa, ha fatto una lunga seduta spiritica con tutti i morti suoi.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    30 Agosto 2015 - 15:03

    Prof.tranquillo in pensione no? noi italiani abbiamo già tante cause di stress manca solo lei. ha già ampiamente dato per favore si faccia da parte. la ringrazio a nome di tutti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog