Cerca

La furbata

Il condono dei bilanci dei partiti: ecco come i partiti intascheranno i rimborsi senza controlli

Il condono dei bilanci dei partiti: ecco come i partiti intascheranno i rimborsi senza controlli

Al rientro dalla ferie agostane, la prima urgenza che impegnerà il Parlamento italiano non sarà la riforma del Senato, ma la soluzione a un problema ben più urgente, per i partiti: evitare che la rata di rimborso pubblico destinato alle forza politiche rimanga bloccato. La nuova norma, infatti, prevedeva che prima di elargire gli ultimi finanziamenti (nel 2017 saranno completamente azzerati), i bilanci dei partiti avrebbero dovuto superare la verifica di una specifica Commissione. Ma come riporta Il Tempo, la Commissione ha comunicato lo scorso 30 giugno di non aver mai potuto svolgere una seduta per mancanza di "mezzi strumentali e personale". Pronto il soccorso del Pd che ha preparato una proposta di legge, grazie alla quale i fondi potranno essere distribuiti ai partiti senza alcuna verifica dei bilanci. Un vero e proprio: "condono al bilancio dei partiti" ha denunciato il deputato M5S Riccardo Fraccaro, sicuro che la proposta di legge troverà i voti delle forza politiche in Parlamento: "I partiti così riceveranno la rata del 2014 senza il controllo dei relativi bilanci. Autocondonandosi qualsiasi irregolarità compiuta nel 2014 senza il controllo dei relativi bilanci".

L'incasso - Stando al calcolo fatto del Tempo, dal 1992 al 2002 i partiti hanno incassato circa 2 miliardi e 200 milioni di euro, pur avendo speso soltanto 579 milioni di euro, secondo la documentazione presentata negli anni dai tesorieri. Eppure dal 1993 i partiti non avrebbero dovuto beccare una sola lira dai bilanci statali, se non ci fossero state poi delle modifiche alla legge passata da finanziamento a rimborso elettorale. Contributo riconosciuto a tutti i partiti che avessero superato l'1% delle preferenze alle Politiche o che avessero eletto almeno un rappresentante alle elezioni regionali o europee. Il rimborso prevedeva 5 euro per ogni voto, cifra aumentata nel tempo visto che prima del 2002 il rimborso ammontava a 4 mila lire. Entro il 2017 la legge prevede l'azzeramento di fatto di ogni tipo di contributo pubblico. Ma in fondo c'è tutto il tempo per modificare anche le scadenze previste per legge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    25 Marzo 2016 - 19:07

    Non ci si può lamentare di questi Lxxxxxi, ho notato che più fanno danni e più il popolo becero li vanno a votare anzi ci fanno la fila e pagano pure per votarli, a mio modesto parere tutto ciò e allucinante, volevo dirgli un'altra parola ma poi mi metterei nei loro panni.

    Report

    Rispondi

  • VELEGGIANDO

    01 Settembre 2015 - 09:09

    Ma impossibile che nessuno possa fare niente a questa ingiustizia. La magistratura, che si accanisce sui ladri di polli perche' non interviene su questo? Non facendolo e' complice anche lei.

    Report

    Rispondi

  • encol

    01 Settembre 2015 - 06:06

    Ma....... i cogl...... siamo sempre noi che li paghiamo e, non solo per nulla fare, bensì per fare danni . PIU' FESSI DI COSI'

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    31 Agosto 2015 - 20:08

    Ritengo che tutti quei soldi, vista la situazione economica DEBBANO NON ESSERE INTASCATI DAI PARTITI che naturalmente hanno ladrato sino ad oggi, ma utilizzati per gli ESODATI e per coloro che sono in gravi difficoltà economiche causa questi Governi spendaccioni. Naturalmente il PD, trattandosi di soldi, sbava per accapararseli, trova subito come fare un condono. Senza ritegno !!! LADRI !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog