Cerca

La tendenza

Sondaggio Piepoli, boom Movimento 5 Stelle. I quattro scenari se si votasse oggi: alleanze e numeri

Sondaggio Piepoli, boom Movimento 5 Stelle. I quattro scenari se si votasse oggi: alleanze e numeri

Talmente delusi da tutti gli altri da votare Movimento 5 Stelle. Il sondaggio dell'Istituto Piepoli per La Stampa certifica non solo la tenuta dei grillini, ma anche la loro continua ascesa, con una lenta ma costante erosione di voti sui partiti tradizionali, Pd e Forza Italia in testa. Fabio Martini, sempre sul quotidiano torinese, parla di elettori "insospettabili", disposti anche ad andare oltre la loro avversione per Beppe Grillo. E proprio il leader-guru del M5S, con la sua svolta moderata e più sottotraccia negli ultimi mesi ha favorito l'avvicinamento di un elettorato meno radicale, anche per colpa dell'insoddisfazione suscitata dagli altri attori politici. 

I quattro scenari: sempre ballottaggio - Il sondaggio Piepoli prevede i risultati elettorali se si votasse oggi con l'Italicum, con 4 varianti in base alle alleanze tra partiti. Primo dato importante: nessun partito raggiungerebbe il 40% utile a vincere al primo turno, con Pd e Movimento 5 Stelle sempre ai ballottaggi con quest'ultimo favorito in caso di convergenza al secondo turno con Lega Nord o centrodestra in generale. Primo scenario: il Pd alleato con Sel raggiungerebbe il 37%, il M5S da solo al 28%, la Lega Nord al 18% e Forza Italia con Ncd al 13 per cento. Se Renzi decidesse di allearsi con Ncd, invece, il Pd crollerebbe al 28%, con il Movimento 5 Stelle da solo al 29%, Lega Nord e Forza Italia insieme al 26% e un nuovo soggetto di sinistra (i fuoriusciti del Pd con Sel) al 13 per cento. Terza ipotesi: il Pd da solo, al 37%, davanti a una alleanza M5S-Lega al 30% (improbabile, Grillo ha smentito ogni tipo di intesa con Matteo Salvini), Forza Italia con Ncd al 17% e la nuova entità a sinistra (sempre con Sel) al 12 per cento. Quarto e ultimo scenario: Pd da solo, al 32%, davanti a Movimento 5 Stelle a solo al 27%, appaiato dall'alleanza Lega Nord-Forza Italia, con il nuovo partito di sinistra più Sel fermo al 10 per cento. In ogni caso, tutte le proiezioni testimoniano le difficoltà di Renzi e del Pd: per governare ha rotto con la sinistra, ma senza sinistra rischia di perdere alle urne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    03 Settembre 2015 - 14:02

    i 5 stelle li ho voitati fin dalla prima ora. Tanto era l'odio per i vecchi ed i vecchi partiti che non ho avuto scelta, ed è ancora così. E la Coerenza, la Costanza, e l'Onestà dei giovani 5 stelle ha meritato la mia e altrui fiducia, una fiducia che raggiunge (dopo tempo e tanti esempi) anche le classi più colte e pragmatiche del paese. Voterò 5 stelle a oltranza, butteremo fuori il vecchio.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    02 Settembre 2015 - 21:09

    I grillini sono fondamentalmente comunisti. A loro vanno benissimo le orde di clandestini extracomunitari che ci invadono. Votare m5s equivale ad avallare gli sbarchi.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    02 Settembre 2015 - 16:04

    Ma è lecito sapere, prima di decidere del proprio futuribile voto, cosa ne pensano i grillini di questa tragedia (per noi Italiani, non per i clandestini) dell'immigrazione selvaggia? E dell'euro, e della europa? Mi sembrerebbe abbastanza fondamentale che dicessero una parola definitiva su questi problemi. Chissenefrega del reddito di cittadinanza!

    Report

    Rispondi

  • graziesinistri

    02 Settembre 2015 - 15:03

    Io so solo che il pd non ha mai avuto così potere come da quando hanno questi come principale opposizione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog