Cerca

Stella opaca

Matteo Renzi, in picchiata la sua popolarità in rete: lo studio sui suoi tweet

Picchiata della popolarità di Renzi in rete

La popolarità di Matteo Renzi sul web è in flessione. L'anno scorso ogni suo messaggio scatenava in media 5.500 reazioni, oggi il suo engagement (così in gergo tecnico) si è dimezzato. Nell'ultimo mese sono ferme a 3000 le interazioni medie per ogni suo tweet. A pesare negativamente sulla reputazione del premier in rete sarebbero le riforme e soprattutto la gestione dell'emergenza immigrati, che è oggetto di feroci critiche. È quanto emerge da un'analisi di Reputation Manager, il principale istituto italiano nell'analisi e nella misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico.

I dati - Già lo scorso anno, rispetto ai "consensi virtuali" registrati a ridosso dell'insediamento, era stata registrata una flessione della popolarità on-line del premier, ma oggi il calo assume contorni assai più significativi: nell'ultimo mese il 98% dei cinguettii più retwittati su Renzi ha carattere negativo, il 2% neutro e nessun commento è positivo. Nel dettaglio, dall'1 agosto al 7 settembre ci sono stati 135.463 tweet su Renzi e gli argomenti più associati in modo negativo al suo nome nei tweet sono: Pd, Alfano, Salvini, Rai, Merkel, jobs act,  M5s, Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gescon

    09 Settembre 2015 - 23:11

    Deve rendere tutto quanto ha preso senza alcun merito. Sia maledetto giorgio.

    Report

    Rispondi

    • allianz

      11 Settembre 2015 - 09:09

      Sempre sia maledetto.Amen.La messa è finita andate in pace.

      Report

      Rispondi

  • afadri

    09 Settembre 2015 - 23:11

    Anche l'ultima uscita scriteriata definendo la Lega covo di bestie ....certifica,tra l'altro,il calo di popolarità Ma non è solo questo il motivo.Ce ne sono altri ben più importanti.Credo stia arrivando al traguardo finale che non è molto distante.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    09 Settembre 2015 - 19:07

    Sempre troppi, il ciarlatano / ducetto va bloccato, sta rovinando l'Italia. Lui e i suoi compagni di merende che ormai fanno da maggioranza e opposizione (per finta). Che catastrofe .

    Report

    Rispondi

    • allianz

      10 Settembre 2015 - 07:07

      Eh si.Una catastrofe.La tragedia è che è ancora li.

      Report

      Rispondi

      • Bolinastretta

        10 Settembre 2015 - 10:10

        La tragedia vera è che ci rimarrà ancora a lungo... e troppo tempo prezioso!

        Report

        Rispondi

blog