Cerca

Il messaggio trasversale

Senato, sì della Giunta immunità all'arresto domiciliare di Giovanni Bilardi (Ncd)

Angelino Alfano

Dalla Giunta per le immunità di Palazzo Madama arriva il "sì" agli arresti domiciliari per Giovanni Bilardi, senatore di Ncd coinvolto nell'inchiesta sulle "spese pazze" in Regione Calabria. A favore dell'arresto si sono espressi il Pd e il M5s. Contrario, invece, il centrodestra, al quale si è aggiunto Enrico Buemi (Psi eletto con il Pd). Si è rivelato determinante il voto della grillina Serenella Fucksia, che secondo quanto affermato dai senatori di Ncd e Forza Italia, "sarebbe stata coartata e intimidita" dagli altri componenti del gruppo. La richiesta dell'applicazione della misura cautelare era stata avanzata dal gip di Reggio Calabria nell'ambito di un'inchiesta sui fondi ai partiti in Regione.

"Quelle strane frasi" - Un primo commento alla vicenda è arrivato proprio da Buemi, che all'agenzia Adnkronos ha dichiarato: "Nel M5s c'è stato un atteggiamento intimidatorio del senatore Giarrusso nei confronti della senatrice Serenella Fucksia, che evidentemente non era convinta della linea del gruppo. Ho sentito distintamente delle frasi, e porrò domani in aula la questione al presidente del Senato, Pietro Grasso".

Implicazioni politiche - Ma il sì all'arresto - come detto, arrivato anche da parte dei membri Pd della Giunta - ha anche altre (chiare) implicazioni politiche. Il voto è arrivato a poche, pochissime ore, dal ritorno in Senato del travagliato e contestato ddl Boschi, la riforma costituzionale che, tra le altre, riguarda Palazzo Madama. È cosa nota, il governo ha una maggioranza risicatissima, secondo alcune ricostruzioni di stampa addirittura inesistente. Inoltre, nelle ultimissime ore si sono rincorse le voci relative a un gruppo di dissidenti Ncd, pronti a non sostenere il testo, condannando dunque il governo ad andare sotto e, con discreta approssimazione, Renzi ad andare a casa.

Lo scambio? - Il "sì" del Pd agli arresti domiciliari di Bilardi, dunque, arriva in un momento politico tesissimo, decisivo. Un "sì" che assume, indirettamente, anche la connotazione di un messaggio, rivolto dai vertici del Nazareno agli alfaniani: sul Senato non si può scherzare. Al contrario, in caso di rotture in grado di spedire a casa l'esecutivo, nel momento del decisivo voto in aula su Bilardi il Pd potrebbe confermare il parere della Giunta (in una sorta di riedizione del celeberrimo caso-Azzollini che, però, arriverebbe a un finale ben differente).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    10 Settembre 2015 - 17:05

    siamo peggio degli stati della america latina . magistrati che fanno niente tutto il giorno , quando qualcuno lo detestano ecco che scattano le manette . poi tu , cittadina o cittadino perbene sai delle ruberie di un capo del personale pubblico e presenti denuncia , tutti nessuno escluso si voltano dall'altra parte , già perchè lui o lei sono di sinistra

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    10 Settembre 2015 - 15:03

    I comunistardi e i loro sostenitori sono arroganti perché hanno ancora il potere (di rovinare gli italiani) ma questo è ormai un fatto squallido e assodato. Hanno anche la possibilità di tesserare i delinquenti filoterroristi dei centri sociali e la feccia marcia composta da rom e clandestini. Sono pertanto in vantaggio come quantità esattamente come la spazzatura che è sempre troppa.

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      10 Settembre 2015 - 16:04

      per angelalbert : quindi l'italia è tutta spazzatura lei compreso mi pare ovvio!

      Report

      Rispondi

  • gianni19

    10 Settembre 2015 - 10:10

    e azzolini i piddini se lo sono perso

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Settembre 2015 - 10:10

    Nasce il patto Bersani-Brunetta- leggo nel titolo. Chi sta sopra e chi sta sotto? Indovinate e mettete il risultato nella rubrica 'Sondaggi'

    Report

    Rispondi

    • allianz

      10 Settembre 2015 - 16:04

      Chi sta a prora vada a poppa,chi sta a poppa vada a prora chi sta n'goppa vada suott,chi sta suott vada in gopp..ca nun 'cà niente a fà...vada acca e vada allà.Ecco il Patto San Ber-Sani/Brunettolo da Venessia.Entrambi a cavar patate ne campo.Meno danni fanno meglio è.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog