Cerca

Le dichiarazioni

Strage alla Mecca, i commenti di Daniela Santanché e Gianluca Buonanno: "Come le bestie"

23
Strage alla Mecca, i commenti di Daniela Santanché e Gianluca Buonanno:

Nel primo giorno della festa musulmana dell'Eid al Adha a Mina, cinque chilometri vicino alla Mecca, sono morti 717 pellegrini schiacciati nella calca o calpestati da altri in fuga, mentre sono quasi 800 finora i feriti. Già dopo le prime notizie sulla strage, alcuni politici italiani hanno commentato con stupore gli eventi, a cominciare dalla parlamentare di Forza Italia Daniela Santanché: "Nemmeno le bestie - ha detto la deputata - Penso ai loro poveri figli e a quelle povere donna costrette a vivere dentro la vergogna di un velo, penso all'ignobile retorica buonista della sinistra. Rabbrividisco". A seguire è arrivato anche il commento dell'europarlamentare leghista Gianluca Buonanno che su Twitter ha scritto, quando il bilancio dei morti era ancora parziale: "310 morti per un pellegrinaggio? Cose da pazzi! Sono come animali... più che alla Mecca dovrebbe andare allo zoo!!!".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Maria4603

    25 Settembre 2015 - 14:02

    io do ragione a tutti e due,ma questi musulmani non possono gestirsi in maniera diversa senza accalcarsi per poi morire schiacciati?

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    25 Settembre 2015 - 09:09

    Peccato che quei 700 non fossero spariti da qualche centro di accoglienza italiano o da qualche albergo compiacente (e disonesto). Questa è una delle conseguenze del becero, bovino e squallido fanatismo islamico. Vivono in un contesto tribale, quindi senza regole, e come unica fonte di attrazione hanno la religione che da ignoranti e caproni quali sono li plagia con la fede nel terrorista allah.

    Report

    Rispondi

  • cesarezac

    25 Settembre 2015 - 07:07

    700 Pellegrini morti vittime e carnefici di se stessi? si è fatta la volontà di Allah.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media