Cerca

Bagarre in Aula

Senato, bufera sul verdiniano Barani: "Ha mimato gesto di sesso orale alla grillina Lezzi"

25
Senato, bufera sul verdiniano Barani:

Le mani portate alla bocca, a mimare un atto di sesso orale, e al Senato scoppia il putiferio. A "denunciare" Lucio Barani, capogruppo dei verdiniani di Ala, è la grillina Paola Taverna: "Ha fatto un gesto volgare contro le donne. Porco maiale". Il verdiniano si difende: "Io non ho fatto nessun gesto, ho dato la parola al senatore Falanga. Se loro interpretano il gesto in maniera maliziosa....". Ma chi è la senatrice a cui è stato indirizzato il presunto cenno "sessista"? "Il gesto volgare e scurrile l'ho ricevuto io - prende la parola Barbara Lezzi, bella senatrice a 5 Stelle e voto tra i più popolari del M5S nei talk show in tv nelle ultime settimane -. Sono io che decido se accettare le scuse dal senatore Barani. Barani ha detto che noi abbiamo male interpretato e quando chiederà scusa chiuderemo l'incidente. Il senatore Barani ha fatto un gesto eloquente contro una donna. Vogliamo i video". Per ora, infatti, di "prove tv" per usare un gergo calcistico ancora non ce ne sono. Il presidente del Senato Pietro Grasso si rifugia in corner: "Faremo gli accertamenti dovuti. Questa è materia disciplinare che va trattata dal consiglio di presidenza", che è stato convocato per lunedì alle 13.

"Deve essere espulso" - La bagarre ha provocato la sospensione di dieci minuti ai lavori in Aula, intenta ad affrontare la già bollente materia della riforma del Senato con i voti di Ala fondamentali per tenere a galla il governo. "Chiederemo che Barani venga espulso", conferma la Lezzi prima di ritornare in Aula, e anche la capogruppo di Sel Loredana De Petris chiede "una punizione esemplare" per un gesto "osceno". 

"Minacce e gestacci" - "Abbiamo ascoltato parole e parolacce, visto gesti e gestacci in questi giorni. Propongo un patto di garbo istituzionale che ci porti a concludere questa discussione senza gestacci, perché ci sono stati anche gesti di minaccia, verso altri gruppi e verso componenti del governo. Da uomo a uomo chiedo a Barani di stare fuori dall'Aula oggi, per senso del rispetto", prova a gettare acqua sul fuoco il capogruppo dei senatori di Forza Italia, Paolo Romani.

"Fallo di reazione" - Un compagno di partito di Barani, Vincenzo D'Anna, prova a fare lo stesso ma forse sceglie un'espressione poco felice, visto il contesto: "Se Barani ha sbagliato gli consiglio di scusarsi per quello che sarebbe un fallo di reazione". Tu chiamali se vuoi padri costituenti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    03 Ottobre 2015 - 18:06

    Non ci fanno assolutamente vedere il gesto incriminato. Non è neppure chiaro come abbia fatto a comprendere, eventualmente, che detto gesto fosse rivolto a Lei. Boh, viene il sospetto che la grillina abbia la coda di paglia.

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    03 Ottobre 2015 - 13:01

    Che venga espulso definitivamente, un traditore non merita altro !!!

    Report

    Rispondi

  • Estiqaatsi

    03 Ottobre 2015 - 12:12

    Per la Storia, nella serata del 29 gennaio 2014, quando alle 21 era stata convocata la commissione per la discussione e votazione sugli emendamenti al decreto 146/13, Massimo De Rosa del M5S si èrivolto così alle colleghe del Pd in Commissione : “Voi donne del Pd siete qui perché siete brave solo a fare i pompini“. E quindi la grillina Lezzi farebbe bene a tenere la bocca chiusa...

    Report

    Rispondi

    • saro45

      03 Ottobre 2015 - 13:01

      E quelli del PD stettero zitti?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

media