Cerca

La mossa

Roma, Ignazio Marino non si dimette: tutto rinviato a lunedì 12 ottobre

Roma, Ignazio Marino non si dimette: tutto rinviato a lunedì 12 ottobre

I romani speravano di svegliarsi senza sindaco questa mattina. Poco male se non c'è nessuno da additare per il traffico folle della capitale, le strade gruviera dal centro alle periferie e i cantieri aperti a macchia di leopardo. A poche dall'annuncio delle dimissioni di Ignazio Marino, non c'era romano - democrat compresi - che non si sentisse sollevato nel più intimo dell'animo. Lo stesso presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha fatto sornione i complimenti al chirurgo col passatempo da sindaco per aver deciso di abbandonare il ruolo da primo cittadino: "Non c'erano alternative", ma Marino dopo ore barricato dentro il Campidoglio ha fregato tutti un'altra volta, segretario Pd compreso: non si è ancora dimesso.

La scelta - La prima udienza per il processo su Mafia Capitale ci sarà il prossimo 5 novembre. Calendario alla mano, Marino ha quindi evitato di far ratificare le sue dimissioni, in modo da far partire i 20 giorni entro i quali può ritirare le dimissioni e poter testimoniare al processo con la fascia tricolore addosso, visto che il Comune di Roma si è costituito parte civile. A dare man forte al sindaco per prendere ulteriore tempo ci ha pensato la maggioranza in Consiglio Comunale, con i Democrat in testa, una sorta di insubordinazione al capo di Palazzo Chigi. Tutto rinviato di un paio di giorni quindi, e chissà che le sorprese di Marino siano finite qui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • milibe

    10 Ottobre 2015 - 17:05

    solita pagliacciata italiana

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    10 Ottobre 2015 - 15:03

    mi lascia perplesso che marino abbia tutti contro. non è che ha dato fastidio, combattendo il malaffare e la corruzione e quindi va eliminato ? tutto sommato gli si possono addebitare piccole colpe, da verificare tra l'altro , e un'eventuale incapacità a gestire il comune di roma che non so quante persone avrebbero saputo e potuto gestire.ho parecchi dubbi sulle sue effettive colpe

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    10 Ottobre 2015 - 15:03

    Rocco Strollo - Caro Marino se hai le palle dimettiti e porta il resto con te, vuota il sacco e racconta della merda che c'è a destra.

    Report

    Rispondi

    • exbiondo

      10 Ottobre 2015 - 16:04

      se poteva l'avrebbe già fatto. Invece la merda da nascondere è quella del PD. Inoltre il fesso, minacciando di fare nomi ha dato ulteriore conferma della sua disonestà e collusione con il malaffare

      Report

      Rispondi

  • arwen

    10 Ottobre 2015 - 10:10

    Marino, come tutti gli uomini piccoli, cerca 2 cose: vendetta e una buona uscita. Domando a tutti i difensori d'ufficio, cosa avrebbero detto se si fosse scoperto che un sindaco di dx, avesse banchettato alla faccia della comunità invitando nn si sa chi e viaggiando da faraone, per fatti privati, a spese del comune e se questo fantomatico sindaco avesse inoltre mentito più volte x coprire i fatti?

    Report

    Rispondi

blog