Cerca

Stai sereno

Tangenti sanità in Lombardia, Salvini attacca: "Serve a coprire i guai di Renzi e Marino. Maroni non è a rischio"

Tangenti sanità in Lombardia, Salvini attacca:

Matteo Salvini va all'attacco sui guai in Regione Lombardia, e definisce l'

Matteo Salvini va all'attacco sui guai in Regione Lombardia, e definisce l'arresto del vice presidente della Giunta regionale Mario Mantovani: "Un attacco politico alla Regione meglio governata d'Italia - ha detto intervistato da Maurizio Belpietro - per nascondere le beghe di Renzi, di Marino e del Pd. Noi al governo abbiamo uomini che odiano l'Italia". Salvini, aveva già fatto post al veleno sui social: "Arrestate anche me", sullo scandalo delle tangenti in Regione Lombardia. Oltre al numero due di Roberto Maroni, nella vicenda è indagato l'attuale assessore del Carroccio alla Sanità, Massimo Garavaglia, che per il governatore non deve dimettersi.

: "Un attacco politico alla Regione meglio governata d'Italia - ha detto intervistato da Maurizio Belpietro - per nascondere le beghe di Renzi, di Marino e del Pd. Noi al governo abbiamo uomini che odiano l'Italia". Salvini, aveva già fatto post al veleno sui social: "Arrestate anche me", sullo scandalo delle tangenti in Regione Lombardia. Oltre al numero due di Roberto Maroni, nella vicenda è indagato l'attuale assessore del Carroccio alla Sanità, Massimo Garavaglia, che per il governatore non deve dimettersi.

I giudici - Salvini non teme ripercussioni per la Giunta Maroni. Nonostante la mozione di sfiducia annunciata da Pd e dai Cinque stelle, il leader della Lega ostenta sicurezza: "Ma figurati, a rischio la Giunta perché qualche giudice si è alzato male! Ricordo che la Regione Lombardia l'anno scorso ha curato un milione e mezzo di persone e centinaia di migliaia di italiani arrivati dalle altre regioni. Ieri c'è stata una giornata di sputtanamento mediatico su la migliore sanità europea e anche sulla Lega".

Il governatore -  Maroni risponde ai giornalisti dimostrando la massima tranquillità:  "Non sento che la mia Giunta sia a rischio. Per carità, non risultano tangenti pagate per la sanità in Lombardia, l'assessore Garavaglia non deve dimettersi. Domani faremo la riunione con tutti i membri della maggioranza, consiglieri regionali, e credo che questo possa far partire un'azione più forte perché quando sei sotto attacco ti unisci ancora di più. La sanità della Regione Lombardia non paga tangenti, è d'eccellenza. Tutto quanto è stato scritto sui giornali è un attacco politico, ha ragione Salvini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramadan

    16 Ottobre 2015 - 13:01

    per fontydelle hr 11,11: ma è una tua illazione o hai informazioni di prima mano che i magistrati hanno tirato per le lunghe il processo di penati? guarda, comunque,che berlusconi ha usufruito in più circostanze della prescrizione;anche in questo caso i magistrati hanno tirato per le lunghe ma erano neri e non rossi ovviamente?

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    15 Ottobre 2015 - 21:09

    continuo a porre la domanda alla quale nessuno risponde: solo i candidati comunisti riescono a superare i concorsi in magistratura? gli altri son tutti scemi?

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    15 Ottobre 2015 - 08:08

    Oddio, il complotto! Anche il cornudo leghista si sta berlusconizzando.... Lega: ventanni di scandali e neanche un autocritica...Che sia il partito degli abilmente disonesti che vuole distinguersi dagli scioccamente disonesti di Silvio?

    Report

    Rispondi

    • vi.giovine

      15 Ottobre 2015 - 13:01

      Ha ragionene Salvini, amico.. La procura rossa di Milano (Bruti Liberati, Bocassini.. e soci..) intervengono sempre al momento giusto, per la sinistra. E' il braccio armato del Pd! Ora devono fottere la Lega, in vista delle elezioni per Palazzo Marino

      Report

      Rispondi

      • bruno osti

        15 Ottobre 2015 - 18:06

        Mantovani (e soci) erano già sotto indagine dal 2014, come riporta il Corriere

        Report

        Rispondi

      • bruno osti

        15 Ottobre 2015 - 16:04

        Mantovani (e soci) erano già sotto indagine dal 2014, come riporta il Corriere

        Report

        Rispondi

        • fonty

          fonty

          15 Ottobre 2015 - 19:07

          Si infatti lo tenevano in caldo per tirarlo fuori dal cassetto all'occasione propizia. Ma ti sembra una magistratura seria questa ? Penati invece lo hanno proprio dimenticato nel cassetto, fino alla prescrizione, nonostante fosse rinviato a giudizio. A pensar male si fa peccato, ma io penserei ad una magistratura ricattatoria in stile mafioso.

          Report

          Rispondi

  • cuciz livio

    14 Ottobre 2015 - 22:10

    FORZA SALVINI!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog