Cerca

Il ritorno del leader

Berlusconi si riprende il centrodestra: Marchini candidato a Roma, Sangalli a Milano

Berlusconi si riprende il centrodestra: Marchini candidato a Roma, Sangalli a Milano

Silvio Berlusconi è tornato in campo, cresce nei sondaggi e torna a dirigere i giochi nel centrodestra, sfidando di fatto Matteo Salvini. Al di là del confronto in diretto in piazza il prossimo 8 novembre (il Cavaliere a Firenze, il leghista a Bologna) che sa un po' di azione di disturbo, l'ex premier sembra  aver trovato le carte giuste da giocare alle prossime elezioni per accontentare gli alleati e disarmare i possibili rivali. Le sfide da vincere sono sempre quelle due: Milano e Roma. 

Via Meloni, dentro Marchini - Nella Capitale Berlusconi ha avuto un faccia a faccia con una candidata fortissima come Giorgia Meloni, che piace a tutti gli elettori del centrodestra ma che agli occhi del Cav ha un problema: non è di Forza Italia. Il nome alternativo, che potrebbe portare al passo indietro della leader di Fratelli d'Italia, è quello di Alfio Marchini, vecchio pallino di Berlusconi e volto che unisce le varie anime della coalizione e, al tempo stesso, potrebbe prendere i voti dei delusi dell'anti-politica. In seconda battuta ci sarebbe il nome del presidente della Lazio Claudio Lotito, che difficilmente però potrebbe conquistare i cuori e i voti dei romani-romanisti.

Sangalli è il nome - A Milano c'è invece da vincere la resistenza dello stesso Salvini, e qui il braccio di ferro è ancora più duro perché quelle elezioni potrebbero decidere in un senso o nell'altro gli equilibri tra Forza Italia e Lega a livello anche nazionale. Berlusconi è categorico: il candidato irrifiutabile per Salvini è uno solo, Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, vicino al mondo del lavoro cui spesso si richiamano sia Silvio sia Matteo, ma pure deputato Dc per 30 anni, amico personale del leader di Forza Italia e protagonista di quel modello milanese che tanto piace a Salvini. Come sottolinea Tommaso Labate sul Corriere della Sera, però, resta un problema: convincere Sangalli a tornare in campo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MIMABEL

    19 Ottobre 2015 - 15:03

    Bari processo escort chiesti al corruttore berl 7 anni ma libero tace niente sssccchhhhh silenzoo

    Report

    Rispondi

  • RatioSemper

    18 Ottobre 2015 - 17:05

    Salvini farebbe bene a pensare di abbandonare il Berlusconi ai suoi deliri di onnipotenza e di presunzione anche a costo di non fare la coalizione di Cdx. A Roma il cavaliere dà la precedenza a chi voleva presentarsi con il Pd e a Milano crede di imporre la sua volontà senza condizioni ma FI è ormai un partitello di secondo ordine.....deve adeguarsi....

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    18 Ottobre 2015 - 16:04

    come premier di destra preferisco renzi, lui è molto più a destra di berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • tuula

    18 Ottobre 2015 - 16:04

    Io sto con Salvini e la Meloni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog