Cerca

Il precipizio

La regione rossa rischia il fallimento. L'allarme: 6 miliardi di debiti, intervenga Renzi

La regione rossa rischia il fallimento. L'allarme: 6 miliardi di debiti, intervenga Renzi

La Regione Piemonte rischia il tracollo finanziario. L'udienza della Corte dei Conti di questa mattina, martedì 20 ottobre, ha certificato il bilancio regionale rispetto al 2014, per metà amministrato dalla giunta del leghista Roberto Cota e nella seconda parte da quella del Pd Sergio Chiamparino. I giudici contabili hanno confermato il disavanzo di sei miliardi di euro, dieci di passivo, con l'amministrazione regionale incapace di poter programmare gli interventi di finanza pubblica, sovrastata dalle spese sempre maggiori delle entrate e la fatica enorme nel razionalizzare il settore sanitario e le società partecipate, come riporta la Stampa.

L'allarme - Non c'è altra via, secondo la Corte dei conti, se non l'aiuto del Governo per evitare il precipizio del Piemonte e anche l'intervento dell'amico Matteo Renzi a favore del presidente piemontese Chiamparino potrebbe non bastare: "Saranno comunque anni di lacrime e sangue" ha detto l'ex sindaco di Torino, seguito dal procuratore della Corte Pier Carlo Floreani che ha descritto una tendenza a posticipare i correttivi e gli interventi strategici, di fatto rinviando la soluzione della situazione debitoria a chi dovrà in futuro amministrare la regione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    22 Ottobre 2015 - 08:08

    Colpe alla Lega non ne possono dare.Al timone del Piemonte ci sono stati sempre loro.Ininterottamente dal 1945 ad oggi,salvo il breve periodo di pochi mesi durante i quali ha governato la Lega Nord,e quindi ininfluente rispetto ai decenni rossi in cui hanno fatto man bassa di tutto,ed occupato tutte le poltrone possibile ed immaginabili.Sgabelli,cuscini e strapuntini compresi.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    21 Ottobre 2015 - 08:08

    la bresso in primis ha causato il disastro, ma sicuramente i komunistoidi beceri e falsi, daranno la colpa a Cota per un paio di mutande verdi. Se anche questa volta, interverrà il soccorso rosso o le toghe sanguignolenti con il pentolaio a fianco, spero che i fanfullicchi piemontesi, si destino e si armino di forconi per rincorrere chiamparino, bresso e lo skeletor.Dubito, komunisti sono.

    Report

    Rispondi

  • vittoriorossi

    21 Ottobre 2015 - 00:12

    Prima dell'unità d'Italia spedirono i mille di Garibaldi a depredare il nostro sud per rimpinguare le finanze di Cavour inventandosi L'Unità D'Italia. Ora che cosa uniranno?

    Report

    Rispondi

  • trismegistus1

    20 Ottobre 2015 - 18:06

    Non può essere che colpa della lega perché la sinistra fa sempre le cose giuste, questo è certo?????

    Report

    Rispondi

    • allerria

      21 Ottobre 2015 - 08:08

      L'articolista si è" dimenticato" di citare la Bresso,piddina,la vera artefice del disastro piemonte.

      Report

      Rispondi

blog