Cerca

Strategia suicida

Monti: "Berlusconi cialtrone". Tra birre, cani e insulti il prof è irriconoscibile

Monti: "Berlusconi cialtrone". Tra birre, cani e insulti il prof è irriconoscibile

Immaginatevi Oscar Giannino senza più bastone da passeggio e gessati estrosi, ma in un sobrissimo doppio peggo grigio e rasato alla perfezione. Vi domandareste: ma cosa gli sarà mai successo? Ecco, l'effetto che la campagna elettorale sta facendo a Mario Monti è più o meno simile: birrette, "empatia", cagnolini in braccio, battutine e battutacce, insulti assortiti al suo rivale più arcigno, Silvio Berlusconi. Dopo il beffardo "pifferaio" di qualche settimana fa, l'ultima uscita ha visto il professore dare niente meno che del "cialtrone" al Cavaliere


Cambio di strategia
- Roba forte, che si aggiunge a toni sempre più aspri. E non è solo Berlusconi al centro delle critiche di Monti. Ricordate quella battutina sul Pd
"nato nel 1921", proprio come il Partito comunista? E le velenose stilettate a Pierluigi Bersani sul ruolo del suo partito nello scandalo di Montepaschi? Da moderato (colomba proprio no) Monti si è trasformato in falco. Un po' per convinzione, un po' per esigenza strategica. Gli spin doctors americani che ne hanno preso in consegna la comunicazione, però, hanno sbagliato a tarare il livello. Così è troppo, perché gli italiani per 13 mesi si erano abituati a un premier sobrio per definizione, spesso pure soporifero. Ma polemico, mai. E nemmeno giovanilista. E così lo sbarco su Facebook e Twitter, con tanto di "wow!" ripetuto da Daria Bignardi a Le invasioni barbariche (la stessa sera che adottò il cagnetto Trozzy-Empy), è sembrato spesso più un atto dovuto che un'esigenza personale, un'arma a doppio taglio che spesso rischia di diventare un autogol. 


Effetto autogol - Sua moglie Elsa l'aveva avvertito: "Non devi fare il cattivo, non sei tu". E infatti il risultato è che Scelta civica non sta salendo nei consensi, e anzi è stabilmente al quarto posto tra i partiti italiani (ben al di sotto del Pd e del Pdl, ma pure dell'anti-sistema Beppe Grillo) e ha di fatto affossato gli alleati Fini e Casini, schiacchiati dal peso di questo nuovo, ingombrante Monti. La verità è che c'era solo un motivo per cui gli italiani avrebbero potuto scegliere di votare il prof: non per la sua simpatia, non per la sua intelligenza politica (a suon di rigore ha massacrato gli italiani) , ma per la sua rassicurante serietà, al di sopra della gazzarra politica. Ora che non dà più nemmeno quell'impressione, l'effetto è straniante. Più o meno come un Giannino vestito da persona seria, appunto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonarotti

    16 Febbraio 2013 - 12:12

    Il PDL, ora più che mai, deve tenere la "barra dritta", sulle cose reali, concrete; guai a buttarla in bagarre, in contumelie. Lasciamola fare a monti e Bersani la pantomima di basso livello. Seguendoli si avvantaggia il voto qualunque. Al contrario, c'è bisogno, soprattutto, di testimonianze reali, prese dalla quotidianità, e ben oltre i soliti dibattiti. Solo le realtà cogenti, di oggi, bucano il video ed animano scelte con la forza di una ideologia. Bene così Presidente, avanti con la forza della libertà e lunga vita.

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    16 Febbraio 2013 - 07:07

    A Silvio è concesso tutto. Sparale grosse, spararle grossissime raccontare la sua personalissima versione della storia in cui lui pur avendo governato 8 degli ultimi 11 anni non ha colpe ed addossarle tutte a chi ha governato per poco più di un anno. Al Tapino oggetto giornaliero di attacchi velenosi non è concesso nulla, nemmeno usare il termine "Cialtrone" sinogolare poi che tutti associno quell'epiteto a Silvio. Monti non ha fatto alcun nome....

    Report

    Rispondi

  • encol

    16 Febbraio 2013 - 07:07

    Il peggio che ci può capitare non è la parabola discendente dell'economia ma l'essere governati da gente FALSA e BUGIARDA - L'equazione è semplice o Mr. Monti si presentò agli italiani in panni non suoi oppure il sig. Monti è quello che ci appare oggi. Nel primo e secondo caso NON VOGLIAMO un soggetto simile. Non trasformiamo il parlamento nel droga-party nazionale

    Report

    Rispondi

  • venaria

    16 Febbraio 2013 - 01:01

    Per questo essere inutile ci vuole una doppia camicia di forza, che si aspetta eppure i medici non mancano ,codesto individuo va prima sedato per benino poi chiuso in una struttura da cui non deve uscirne più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog