Cerca

Colpito & affondato

Pd, Matteo Renzi all'angolo: i fedelissimi che lo scaricano

Matteo Renzi

Matteo Renzi perde pezzi, anche tra i "fedelissimi" del Pd. Emblematiche, per esempio, le parole di Matteo Richetti, che a La Stampa spiega che "il Pd non è più di nessuno. Non di chi ha sostenuto Renzi, che vede candidati e dirigenti in totale continuità col passato, con la ditta tanto criticata, e non di chi ha contrastato Renzi e ritiene che la sua gestione del partito non abbia niente a che fare con la sinistra". Chiaro il messaggio di Richetti: la rottamazione è fallita. Parole che pesano, e la cui dimostrazione pratica sono i casi, continua, "dalla Campagna, alla Toscana, alla Puglia" (scorda, però, la Campania e Vincenzo De Luca). Richetti, ex fedelissimo, scarica il premier. Ma c'è di più, tanto che ci si chiede che cosa potrebbero fare, insieme a lui, altri due che fedelissimi non lo sono più: Graziano Delrio e il vicesegretario democratico, Lorenzo Guerini, che già qualche mese fa tentarono di battezzare una corrente piddina. Delrio, da par sua, continua a giurare fedeltà al "capo", a Renzi, eppure l'etichetta di "diversamente renziano" non gliela toglie più nessuno. Grandi movimenti, insomma, in vista del congresso del partito che si terrà subito dopo il referendum sulla riforma costituzionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    20 Novembre 2015 - 17:05

    il Pifferaio rinnegato anche dai suoi seguaci.

    Report

    Rispondi

blog