Cerca

Allarme verde

Lega Nord, il documento segreto: rivolta contro Matteo Salvini e il Carroccio al Sud

Lega Nord, il documento segreto: rivolta contro Matteo Salvini e il Carroccio al Sud

Gli indipendentisti della Lega non si rassegnano alla svolta nazionale di Matteo Salvini, e in vista del congresso federale atteso per l’inizio del 2016 affilano le armi. Addirittura, denunciano l’incompatibilità «ideale e politica» tra il Carroccio e la lista «Noi con Salvini». Già depositato un documento, messo agli atti in occasione della recente assise del Carroccio lombardo (che ha incoronato leader Paolo Grimoldi) in cui è scritto che è ritenuto «offensivo il fatto che il segretario federale sia allo stesso tempo presidente di un altro soggetto politico», con riferimento alla formazione schierata nel Centrosud. Il documento, presentato da un militante legato all’associazione Terra Insubre, ha raccolto firme anche tra alcuni consiglieri regionali ma non è stato votato per motivi tecnici: facendo riferimento allo statuto federale, è finito agli atti e quindi trasmesso a Salvini in attesa dell’assise del 2016. È solo una delle spie gialle che si sono accese nel cruscotto lumbard. Grimoldi ha rispolverato la camicia verde indipendentista. E parecchi dirigenti hanno parlato di secessione. Come si conciliano queste posizioni con la nuova Lega che ha in testa il Matteo meneghino, e che potrebbe ritoccare l’articolo 1 dello statuto che parla di Padania indipendente? Eppure, «basta Italia!» ringhia il documento che è spuntato al congresso e che non è stato pubblicizzato per evitare tensioni. «La Lega ha un solo obiettivo: l’indipendenza!» per questo le alleanze «si fanno solo con i partiti» che riconoscono «la Padania». Grimoldi taglia corto: «Sono molto soddisfatto, perché la Lega Lombarda si è dimostrata compattissima». A togliere d’imbarazzo Salvini potrebbe esserci il sistema elettorale. Se non subirà modifiche, obbligherà il Carroccio a fare una lista unica col resto del centrodestra. E a quel punto le liti interne verrebbero congelate.

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    26 Novembre 2015 - 09:09

    I lombardi ed i veneti non amano il resto della penisola che li spreme a suon di tasse per favorire popolazioni ben diverse per comportamenti e tradizioni. Senza voler offendere alcuno: in tutto il mondo il nord di una nazione ha più affinità col nord delle limitrofe, che non col sud proprio e delle stesse. Col meridione, noi non abbiamo alcuna affinità ed anche la lingua ci è stata imposta.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    25 Novembre 2015 - 23:11

    Ridicoli pidocchi senza speranza. Senza Salvini la Lega non va da nessuna parte: è meglio che la capiscano una volta per tutte. Approposito... che ne è stato di Tosi? Ha affittato un monolocale con fini, casini e alfano?

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    25 Novembre 2015 - 20:08

    Ma smettetela di raccontare balle. la Lega di Salvini è più che unita. Certo cercate di seminare zizzania per fare un favore al Berlusca, ma mettetevi l'anima in pace Forza Italia è un partito morto.

    Report

    Rispondi

blog