Cerca

Piccoli furbi

Ingroia, Giannino e Fini hanno già vinto:
aspettano solo i rimborsi elettorali
sul piatto ci sono 90 milioni di euro

Ingroia, Giannino e Fini hanno già vinto:
aspettano solo i rimborsi elettorali
sul piatto ci sono 90 milioni di euro

 

I tesorieri già si sfregano le mani.  Le elezioni sono vicine e lo sforzo economico per la campagna elettorale dei partiti è notevole. Ma nelle sedi non si preoccupano, presto arriveranno i finanziamenti e i rimborsi per riempire le casse di chi ha speso tanto. La paura però c'è. I piccoli partiti hanno bisogno di quei soldi. Quasi fosse il principale motivo per cui sono scesi in campo. Se non mettono le mani sui rimborsi per loro è game over. La distribuzione dei rimborsi è regolata dalla legge approvata nel luglio 2012. Il bottino è ghiotto: 90 milioni di euro. La legge stringe il cerchio ma non tanto. Per accedere al rimboroso bisogna avere almeno un parlamentare o un senatore eletto. Senza questa condizione nemmeno un euro entrerà nelle casse del partito.

I picoli fanno festa -  Così la campagna elettorale è aspra e dura. Entrare in parlamento per i piccoli è una necessità più che un dovere. Fare per fermare il declino, Rivoluzione Civile, Futuro e Libertà, Udc, ma anche Sel di Nichi Vendola, aspettano solo di stare a Montecitorio o palazzo Madama per riempirsi finalmente le tasche. Nessuno finora ha detto di voler restituire il bottino. Anzi lo rivendicano, nonostante un referendum, circa vent'anni fa ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti. E chi controllerà i conti? Anche in questo caso la situazione è studiata bene. 

Commisione ad hoc - La Corte dei Conti faceva paura ai partiti. E allora si sono inventati una soluzione su misura. Una Commissione per la trasparenza e il controllo dei rendiconti. La commissione sarà composta da 5 membri. Uno sarà nominato dalla corte di Cassazione, 3 dalla Corte dei Conti e un altro dal Consiglio di Stato. Ingroia è in pole position per mettere le mani sui rimborsi. Rivoluzione Civile ha messo sul piatto circa 2milioni di euro. Conferenze, manifesti, volantini, viaggi e catering per avere una poltrona a Roma. Giannino ha bisogno pure lui di 2 milioni di euro, ma ne ha raccolti solo 1milione e 400mila. Così se uno di Fermare il declino dovesse mettere piede a Roma per Oscar sarebbe un bel jackpot

"Caro" voto utile - I piccoli partiti nel rush finale di campagna elettorale respingono gli appelli di Berlusconi e Bersani per il voto utile. Dietro a questa guerra aspra per un pugno di voti c'è la paura di restare con le casse vuote. Insomma, nessuno lo dice chiaramente, nè Ingroia, nè Giannino, nè Di Pietro, ma per loro dopo la vittoria c'è una valanga di soldi pubblici da spartirsi. E' vero che in questa legislatura che sta per aprirsi non ci sarà un nuovo caso Rifondazione Comunista, che pur restando fuori dal parlamento ha goduto di 9milioni di rimborsi elettorali perchè bastava anche un 1 per cento per prendere il denaro. Ora in Parlamento bisogna andarci davvero. Ma i "piccoli" sono tranquilli. Alla fine loro hanno già vinto. E anche tanto. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marcaurelio

    18 Febbraio 2013 - 15:03

    Beh, non sono l'unico, ma ci tengo a sottolineare che FiD non percepisce 1 EURO di rimborso elettorale, per scelta (giusta) degli ideatori del movimento. La differenza si vede (anche) da qui. FATTI, non fuffa.

    Report

    Rispondi

  • sentry

    17 Febbraio 2013 - 20:08

    Ribadisco quanto sopra: FARE non prenderà alcun rimborso elettorale! RC, FLI e UDC forse sì, visto che nessun loro sostenitore si lamenta dell'articolo. E ricordiamoci che ALFANO, BERSANI e CASINI (insieme schierati) la scorsa primavera dissero che era una TRAGEDIA abolire i rimborsi (aboliti da referndum!!!!PENSATECI prima di votare..

    Report

    Rispondi

  • giaserg

    17 Febbraio 2013 - 12:12

    Siete come tutti gli altri giornali di partito che diffondono notizie false o mistificate per screditare gli oppositori! Giannino ha rifiutato i rimborsi lo ha dichiarato mille volte Il PD il PDL invece dei rimborsi non ne parlano nemmeno, troppa sarebbe la vergogna di aver rubato miliardi per 20 anni Che tristezza!

    Report

    Rispondi

  • maurizio0204

    17 Febbraio 2013 - 11:11

    mi sorprende che chi ha scritto il pezzo non si docoumenti Fermare il declino si autofinanzia e non accetta per statuto il rimborso delle spese elettorali altresi' l'autore dell'articolo dimentica i vari partitini che partecipano alle coalizioni PDL e PD.... i Lombardo Tabacci i socialisti ex dc venga corrisposto il rimborso altresì sono deluso che questa testata seria permetta di pubblicare articoli con false notizie propagandiste....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog