Cerca

Sondaggio

Matteo Renzi perde tra operai e cinquantenni, chi ci guadagna

Matteo Renzi perde tra operai e cinquantenni, chi ci guadagna

Il recente sondaggio sulle opinioni politiche effettuato dal Centro Italiano di Studi Elettorali, messo a confronto con l'analisi del voto (stima da sondaggi rielaborata su risultati reali) realizzata da Ipsos all'indomani delle elezioni europee del 2014, fornisce alcuni elementi sugli "umori" degli italiani, come evidenzia un articolo de Il Fatto Quotidiano.

Dal 40,8% ottenuto dal Pd renziano nel 2014 al 35,6% (-5,2% sul 2014) del sondaggio Cise. In alcune categorie di elettori è più marcato il calo dei democratici: +15,7% nella fascia tra i 45 e i 54 anni e +6,5% tra i 55 e i 64 anni. Tra gli operai, invece, il Pd passa dal 35,8% (2014) al 23% (2015) ed è doppiato dal M5S che arriva al 46% (30,5% nel 2014) e tallonato dalla Lega di Salvini con il 20% dal 7,1%.

I democratici recuperano tra i pensionati (57,0% contro 50,5%), dove sono in aumento anche i sostenitori di Grillo (14% rispetto a 7,4%) e a perdere consensi è, invece, Forza Italia, che passa dal 20 al 15%. Cala il fascino di Renzi anche tra gli studneti: 36,0% nel 2015 e 41,1% nel 2014, mentre crescono sia Grillo (35,0% contro 23,2%) sia Salvini (17,0% versus 4,6%). 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • selenikos

    09 Dicembre 2015 - 14:02

    leggendo i vari titoli di Libero negli ultimi mesi su Renzi...mi meraviglia che Renzi abbia ancora il 2% dei voti.........

    Report

    Rispondi

    • gescon

      09 Dicembre 2015 - 21:09

      Vedo !! Andiamo a votare e ci togliamo ogni dubbio. Ascolta la gente quando parla del boy scout e delle sue oche giulive.

      Report

      Rispondi

blog