Cerca

Non conta nulla

Renzi ai ferri corti con l'Ue caccia l'ambasciatore a Bruxelles

Renzi ai ferri corti con l'Ue caccia l'ambasciatore a Bruxelles

Clausole di bilancio, migranti, gasdotto North Stream. Tre argomenti sui quali il nostro governo è ai ferri corti con la Commissione europea. L'ultimo caso è proprio quello del raddoppio del gasdotto che collega Germania e Russia e che, secondo Palazzo Chigi, sarebbe una lampante violazione delle sanzioni imposte dalla stessa Ue alla Russia di Putin. Quella stessa Ue, che proprio per punire Putin, aveva detto no al "South Stream", il gasdotto nel quale l'Eni avrebbe avuto un ruolo-chiave.

Sarebbe, Matteo renzi, talmente furioso a proposito dei rapporti con la Commissione, da aver deciso di rimuovere anzitempo dal suo incarico l'ambasciatore italiano a Bruxelles, Stefano Sannino. Individuato, evidentemente, come il "colpevole" dello stallo o il "capro espiatorio" da sacrificare per la scarsa influenza di Roma nelle principali questioni europee. Tra l'altro Sannino (che verrebbe trasferito a rappresentare l'Italia a Madrid) avrebbe mesi fa mancato la nomina a segretario generale della Ue proprio per lo scarso sostegno di Palazzo Chigi. A scriverlo è il Corriere della Sera, che sottolinea come Sannino, già "sherpa" di Romano Prodi al G8, una vita dentro le istituzioni Ue e uno dei migliori conoscitori della macchina comunitaria, sia stato nominato a Bruxelles da Enrico Letta. Al suo posto arriverebbe Cesare Maria Ragaglini, attuale ambasciatore a Mosca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • costanzacipollo

    13 Gennaio 2016 - 11:11

    Ma quanto tempo ancora dobbiamo sopportare Renzi? possibile che nessuno si sia accorto che siamo sotto una dittatura? E' arrogante e pieno di se, pensa di essere perfetto, ma ogni giorno scopriamo quanto possa essere scorretto e con tanti cadaveri nell'armadio, è un paroliere, tutelato dalla Massoneria e dalle Banche, ci stà massacrando, ma quando và a casa sua con la Boschi e la povera moglie? C

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    18 Dicembre 2015 - 09:09

    non riesce proprio a capire che lui non conta un cazzo e tutti lo trattano come un bamboccio . e lui se la prende con l'ambasciatore , ma e' lui l'incapace . non l'ambasciatore .

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      18 Dicembre 2015 - 20:08

      Come non condividere con gianni modena, l'incapace e proprio lui con i suoi amici di merende, ecco perchè continuano ancor più di prima a chiamarci maccaroni e Cingali, e ringraziate che non ci hanno denunciati per aver sguinzagliato Clandestini che nessuno sa quanti erano e chi erano per tutta Europa il tutto grazie ai Renzie e Alfanninna e continuano il tutto a spese degli Italiani ONESTI!

      Report

      Rispondi

  • Yossi

    18 Dicembre 2015 - 08:08

    rimosso per incapacità a Bruxelles, sarà capace a Madrid ? Credo, forse erroneamente, che un incapace lo è sia a Bruxelles che a Madrid e quindi va cacciato.

    Report

    Rispondi

    • Happy1937

      18 Dicembre 2015 - 18:06

      O piuttosto va cacciato chi lo caccia, incapace di contare qualcosa a livello internazionale e sciocco applicatore delle sanzioni alla Russia.

      Report

      Rispondi

  • Happy1937

    18 Dicembre 2015 - 07:07

    Povero Matteo, non riesce nemmeno a capire che il fesso e' soltanto lui che stoltamente applica le sanzioni alla Russia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog