Cerca

Il fascicolo

Crac Banca Etruria, il Csm indaga sul procuratore di Arezzo Roberto Rossi per la consulenza con il governo

Crac Banca Etruria, il Csm indaga sul procuratore di Arezzo Roberto Rossi per la consulenza con il governo

Sarà il Consiglio superiore della magistratura a chiarire se esiste un conflitto di interessi tra il Procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, a capo delle inchieste sul crac di Banca Etruria e la sua consulenza con il governo. L'apertura del fascicolo, scrive il Giornale, è stata chiesta da Pierantonio Zanettin, componente laico del Csm in quota Forza Italia: "Rossi - spiega Zanettin - ha ottime referenze da procuratore, non doveva porsi in questa condizione". È stato lo stesso Csm a concedere il via libera per l'incarico di Rossi nel 2013, quando a Palazzo Chigi c'era Enrico Letta. La consulenza è stata prorogata da palazzo dei Marescialli lo scorso maggio. In quel periodo però Rossi stava già indagando sul commissariamento di Banca Etruria, proprio nel frangente in cui a fare il vicepresidente c'era Pier Luigi Boschi, padre del ministro. Ogni passo che potrà fare il procuratore, quindi, ora rischia di portarsi addosso un'ombra di dubbi e riserve. Se dovesse iscrivere nel registro degli indagati il padre di Maria Elena Boschi, si potrebbe sospettare che sia stato vittima delle pressioni mediatiche del caso aretino. Se invece non lo dovesse fare, si potrebbe sospettare che anche il magistrato si sia "adeguato" alla politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    19 Dicembre 2015 - 18:06

    Io personalmente non ci credo fin quanto non vedo i colpevoli in galera, solo dopo farò i complimenti e gli onori al Giudice Onesto, perchè di Giudici onesti ce ne sono, saranno come le mosche bianche ma sono sicuro che qualcuno c'è che farà GIUSTIZIA.

    Report

    Rispondi

  • frarossi84

    18 Dicembre 2015 - 12:12

    Solo fumo per gli allocchi

    Report

    Rispondi

blog