Cerca

Il processo

Guai per Gianni Alemanno: la decisione del giudice su Mafia Capitale

Guai per Gianni Alemanno: la decisione del giudice su Mafia Capitale

Processo il 23 marzo prossimo davanti alla II sezione del Tribunale Penale di Roma per l’ex sindaco Gianni Alemanno, rinviato a giudizio per corruzione e finanziamento illecito. La decisione è del gup Nicola Di Grazie. Ad Alemanno, nell’ambito dell’inchiesta su mafia capitale, si contesta di aver ricevuto illecitamente 125mila euro in parte attraverso la Fondazione Nuova Italia «per compiere atti contrari ai suoi doveri di ufficio». A versare il denaro fu Salvatore Buzzi, in accordo con Massimo Carminati (entrambi sotto processo nel procedimento su mafia capitale in corso a Rebibbia). A recapitare le somme, secondo il procuratore dirigente Giuseppe Pignatone e i pm Paolo Ielo, Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli, fu l’ex amministratore delegato di Ama, Franco Panzironi, anch’egli ora imputato nel processo a mafia capitale. Panzironi, attraverso la Fondazione Nuova Italia, avrebbe consegnato ad Alemanno 75mila euro, ufficialmente a titolo di rimborso spese per cene elettorali, 40mila euro per finanziamenti alla Fondazione e 10mila euro destinati all’ex sindaco. Questi ultimi consegnati nell’ottobre 2014. Come si è detto, il processo si svolgerà il 23 marzo prossimo davanti alla II sezione penale del Tribunale di Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chully

    19 Dicembre 2015 - 09:09

    Fa parte dei salvini-boys: duri, puri e con le tasche piene...

    Report

    Rispondi

  • kufu

    18 Dicembre 2015 - 23:11

    La solita giustizia ad orologeria. i Pm non hanno saputo apprezzare quanto fatto da Alemagno per risolvere il problema della disoccupazione a Roma: ATAC, AMA, ACEA, Alemagno

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    18 Dicembre 2015 - 16:04

    Al gabbio il fascistello !"!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Dicembre 2015 - 15:03

    Non è bastata la difesa di Belpietro.

    Report

    Rispondi

blog