Cerca

Dissacratore

Voto, partito, alleati: Vittorio Feltri fa il funerale a Berlusconi

Voto, partito, alleati: Vittorio Feltri fa il funerale a Berlusconi

Dissacratore come al solito. Ma non per questo lontano dalla verità. Vittorio Feltri si concede per una lunga intervista al "Fatto quotidiano". Parla di tutto e tutti. E ne ha per tutti e tutto. A partire da Berlusconi, Forza Italia e la destra. Sulla quale mette una pietra tombale: "Non c'è più nulla. Berlusconi ormai è un uomo logorato e ha collaboratori, per così dire, modesti. Lui stesso una volta mi ha detto: 'Ma quale cerchio magico... il mio al massimo è un cerchio tragico". Ma le colpe sono anche sue: "Ha creato Forza Italia e poi non ha fatto nulla per tenerla insieme. Se il reclutamento avviene sulla base di amicizie e conoscenze, le probabilità che qualcuno possa svettare sono assai basse".

Il voto sulla sfiducia alla Boschi è stata l'ennesima figuraccia: "La gente non capisce: non stai nè di qua nè di là. Ponzio Pilato". La questione milanese? "Una comica. Sappiamo tutti che Sala vince contro qualunque avversario. Gran parte dei voti di Forza Italia confluiranno su di lui. Sallusti o Del Debbio, la situazione non cambierebbe: dove vanno a prenderli i voti? Quelli della Lega non bastano".

Se vincesse Sallusti, lui potrebbe tornare a fare il direttore a Il Giornale: "No, ho sempre preso in mano giornali per poi lasciarli con molte copie in più, mentre ora i giornali continuano a perdere e io non voglio fare il becchino". L'alleanza Berlusconi-Salvini? "Penso che salvini tema che agli occhi degli elettori sia percepita dagli elettori come un deja-vù, che finirebbe per danneggiare entrambi". E a Roma convergenza su Marchini? "E' il più presentabile, ma non riesco a capire chi lo possa votare. Credo che nella Capitale i s stelle possano strappare una vittoria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elon

    20 Dicembre 2015 - 10:10

    Analisi perfetta, lucida e realistica del Direttrissimo (lui sì) Feltri ora provate a criticarlo.

    Report

    Rispondi

  • mapagolio

    20 Dicembre 2015 - 10:10

    Il problema e' non aver capito che l'entrata del m5 stelle nel parlamento, avrebbe portato a questo,portare alla luce quella che e' sempre stata una classe politica italiana di incapaci fannulloni e in buona parte corrotti.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    19 Dicembre 2015 - 19:07

    Purtroppo, e lo dico a malincuore, Feltri ha ancora una volta ragione. La politica del piede in due staffe di Forza Italia è la causa principale che ha portato il partito allo sfascio, sia per la continua emorragia di parlamentari, sia a livello di preferenze elettorali. Berlusconi o non Berlusconi, se non prendono una posizione definita sono condannati a scomparire.

    Report

    Rispondi

  • ottina

    19 Dicembre 2015 - 18:06

    Ha ragione Feltri quando dice che Berlusconi ha creato FI ma non l'ha saputa mantenere,infatti quando aveva maggioranze bulgare avrebbe dovuto presentarsi a reti unificate e dire che tizio,caio e sempronio non gli permettevano di fare quello che lui aveva in mente,ovvero la rivoluzione liberale,dimettersi e andare a nuove elezioni senza tizio,caio e sempronio. Forse non avrebbe preso non 51%perògo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog