Cerca

Il sondaggio

Pagnoncelli, si riduce la forbice tra Pd e M5S

Matteo Renzi visto da Benny

I dati sulla fiducia dei leader parlano di una progressiva riduzione della distanza tra Pd e Movimento 5 Stelle. Il Pd oggi si colloca al 31,2%, in calo di 3 punti dall' inizio dell' anno. In grandissima ascesa il movimento Cinque Stelle che guadagna più di otto punti da gennaio conquistando il 29%. Secondo il sondaggista Nando Pagnoncelli che scrive sul Corriere della Sera, la strepitosa rimonta dei grillini è dovuta allo smarrimento e alle divisioni interne al centrodestra e anche alle sue difficoltà a trovare un leader. La Lega ha fermato la propria ascesa mentre il terzo partito della coalizione, Fratelli d' Italia, intorno al 4%.

Ballottaggio - Per quanto riguarda un eventuale ballottaggio a determinare il risultato è il centrodestra perché, spiega Pagnoncelli, oggi le tre liste divise ottengono infatti il 29,4% (testa a testa con il M5S), ma la lista unita prenderebbe circa due punti in più, collocandosi al 31,3%. Raccoglierebbe voti dai pentastellati (favoriti da un centrodestra diviso) e recuperare elettori centristi. Ma i risultati dei ballottaggi non premiano il centrodestra. Se il Pd andasse al ballottaggio con il Movimento 5 Stelle infatti, perderebbe in maniera evidente, di circa 5 punti, mentre a metà novembre il distacco era di meno di due punti. Questo perché si rafforza l' orientamento verso i 5 Stelle degli elettori di Forza Italia. Se invece i protagonisti del ballottaggio fossero centrodestra e Pd, i dem vincerebbero di quasi dieci punti. Pentastellati ed elettori del Pd si orienterebbero infatti verso il partito di Renzi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    21 Dicembre 2015 - 17:05

    articoli come questo sono fatti per non dare alcuna speranza al centrodestra, e non è certo intelligente far capire ad ogni piè sospinto che in ogni caso o vincono i comunisti del Pd o gli ultracomunisti grillini. Io ritengo sempre che in caso di ballottaggio fra sinistri, l'unica soluzione per il centrodestra è in qualche modo l'estero. I commenti qui sotto danno prova di disperazione.

    Report

    Rispondi

  • cassariniattilio

    21 Dicembre 2015 - 17:05

    Analisi impietosa e ,tristemente, vera.... l'unica soluzione per vivere in un paese civile e veramente libero è andarci..... si salvi chi può! !!!

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    19 Dicembre 2015 - 11:11

    è una logica a cui ci conduce l'italicum: noi ,elettori del centro destra e certamente contrari a questo governo ,voteremo per il M5S al ballottaggio senza ombra di dubbio.Inutile quindi strepitare contro il movimento : l'obiettivo è mandare a casa gli usurpatori sinistrati e cercare di toglierseli definitivamente dagli zebedei.

    Report

    Rispondi

    • TristanEugene

      TristanEugene

      21 Dicembre 2015 - 11:11

      Ma nemmeno per sogno!! Un elettore di CDX NON puo votare per un partito di sinistra/sinistra estrema come M5S.Personalmente,in caso di ballottaggio Grillo-Renzi ( e NON lo credo) ,mi asterrò Amen

      Report

      Rispondi

blog