Cerca

Il sondaggio

Pagnoncelli, si riduce la forbice tra Pd e M5S

4
Matteo Renzi visto da Benny

I dati sulla fiducia dei leader parlano di una progressiva riduzione della distanza tra Pd e Movimento 5 Stelle. Il Pd oggi si colloca al 31,2%, in calo di 3 punti dall' inizio dell' anno. In grandissima ascesa il movimento Cinque Stelle che guadagna più di otto punti da gennaio conquistando il 29%. Secondo il sondaggista Nando Pagnoncelli che scrive sul Corriere della Sera, la strepitosa rimonta dei grillini è dovuta allo smarrimento e alle divisioni interne al centrodestra e anche alle sue difficoltà a trovare un leader. La Lega ha fermato la propria ascesa mentre il terzo partito della coalizione, Fratelli d' Italia, intorno al 4%.

Ballottaggio - Per quanto riguarda un eventuale ballottaggio a determinare il risultato è il centrodestra perché, spiega Pagnoncelli, oggi le tre liste divise ottengono infatti il 29,4% (testa a testa con il M5S), ma la lista unita prenderebbe circa due punti in più, collocandosi al 31,3%. Raccoglierebbe voti dai pentastellati (favoriti da un centrodestra diviso) e recuperare elettori centristi. Ma i risultati dei ballottaggi non premiano il centrodestra. Se il Pd andasse al ballottaggio con il Movimento 5 Stelle infatti, perderebbe in maniera evidente, di circa 5 punti, mentre a metà novembre il distacco era di meno di due punti. Questo perché si rafforza l' orientamento verso i 5 Stelle degli elettori di Forza Italia. Se invece i protagonisti del ballottaggio fossero centrodestra e Pd, i dem vincerebbero di quasi dieci punti. Pentastellati ed elettori del Pd si orienterebbero infatti verso il partito di Renzi. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    21 Dicembre 2015 - 17:05

    articoli come questo sono fatti per non dare alcuna speranza al centrodestra, e non è certo intelligente far capire ad ogni piè sospinto che in ogni caso o vincono i comunisti del Pd o gli ultracomunisti grillini. Io ritengo sempre che in caso di ballottaggio fra sinistri, l'unica soluzione per il centrodestra è in qualche modo l'estero. I commenti qui sotto danno prova di disperazione.

    Report

    Rispondi

  • cassariniattilio

    21 Dicembre 2015 - 17:05

    Analisi impietosa e ,tristemente, vera.... l'unica soluzione per vivere in un paese civile e veramente libero è andarci..... si salvi chi può! !!!

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    19 Dicembre 2015 - 11:11

    è una logica a cui ci conduce l'italicum: noi ,elettori del centro destra e certamente contrari a questo governo ,voteremo per il M5S al ballottaggio senza ombra di dubbio.Inutile quindi strepitare contro il movimento : l'obiettivo è mandare a casa gli usurpatori sinistrati e cercare di toglierseli definitivamente dagli zebedei.

    Report

    Rispondi

    • TristanEugene

      TristanEugene

      21 Dicembre 2015 - 11:11

      Ma nemmeno per sogno!! Un elettore di CDX NON puo votare per un partito di sinistra/sinistra estrema come M5S.Personalmente,in caso di ballottaggio Grillo-Renzi ( e NON lo credo) ,mi asterrò Amen

      Report

      Rispondi

media