Cerca

Missive continentali

Renzi, la mossa kamikaze: svela il documento segreto dell'Europa. Che cosa rischia ora

Renzi, la mossa kamikaze: svela il documento segreto dell'Europa. Che cosa rischia ora

Il governo verso la rottura con la Ue: renderà nota la "lettera di Bruxelles". Di quale missiva si parli lo spiega il Corriere della Sera: un documento - che non doveva essere pubblicato - in cui i commissari Vestager e Hill muovevano obiezioni sull'utilizzo del Fondo interbancario di tutela dei depositi. Si deve tornare al 19 novembre, quando mancavano poche ore al varo del decreto salva-banche che ha "risolto" i casi di Banca Etruria, Banca Marche e delle casse di risparmio di Chieti e Ferrara. Nel decreto si prevedeva che le parti sane delle banche sarebbero state ricapitalizzate per 1,8 miliardi di euro da parte del già citato Fondo di risoluzione europeo. Bruxelles, però, storceva il naso, e così prima della definitiva approvazione del decreto il governo italiano ha chiesto alla Commissione di mettere nero su bianco le obiezioni alla soluzione prospettata.

Il punto è che l'Europa ritiene che un atto di legge che obbliga il Fondo interbancario di garanzia a versare risorse nelle quattro banche sia considerabile un aiuto di Stato, un intervento pubblico. E così, nella lettera inviata a Roma, i commissari Margrethe Vestage e Jonathan Hill scrivono: "Nel caso venga usato un meccanismo di garanzia dei depositi e questo meccanismo venga riconosciuto come aiuto di Stato, la risoluzione delle banche scatta autonomamente in base alla direttiva Brrd sulla ristrutturazione degli istituti". In sostanza, c'è aiuto di Stato in ogni caso e vanno colpiti gli azionisti e gli obbligazionisti.

Tre giorni dopo il governo si riunisce: si decide di ricorrere al Fondo di risoluzione di modello europeo, sacrificando parte dei piccoli risparmiatori. E il governo, ora, ha fatto trapelare la "missiva incriminata", per cercare di dimostrare che la colpa è dell'Europa, che avrebbe impedito al governo di percorrere la strada meno traumatica. Una mossa pericolosa, con la quale, de facto, Renzi dichiarerebbe guerra ai vertici di Bruxelles. Sempre secondo il Corsera, martedì sera si era deciso di pubblicare la missiva integrale sul sito del ministero dell'Economia, ma poi non è stato fatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    30 Dicembre 2015 - 01:01

    E dai Renzi ma come fai sempre a dire e fare proclami e poi fai tutto il contrario, dai facci vedere sta benedetta lettera dai pubblicala fai vedere che non spari sempre cavolate!

    Report

    Rispondi

  • rotic

    29 Dicembre 2015 - 13:01

    Insabbia sempre il bullo

    Report

    Rispondi

  • volpedeldeserto

    volpedeldeserto

    23 Dicembre 2015 - 17:05

    E' falsa, è stata concordata con la Comunità Europea con lo scopo di salvare la faccia a questo governo.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    23 Dicembre 2015 - 17:05

    Vogliamo vedere la lettera al completo, non soltanto in parte. Dato che da Bruxelles hanno detto che il governo italiano aveva tre opzioni. Quali? Vogliamo saperlo. E poi, Renzi come ha messo a disposizione 100 milioni per il risarcimento parziale dei truffati, poteva metterne anche 400, dov'è la differenza?

    Report

    Rispondi

blog