Cerca

La conferenza stampa di fine anno

Matteo Renzi: "Il 2015 è stato un buon anno. Se perdo il referendum sulle riforme lascio la politica"

Matteo Renzi:

"Se perdo la partita del referendum sulle riforme costituzionali nel 2016 considererò finita la mia esperienza politica". È il passaggio più concreto della tradizionale conferenza stampa di fine anno del premier Matteo Renzi. Per il resto, il solito tripudio di ottimismo, slide contro i gufi e qualche slogan. "Il 2015 è andato meglio del 2014, meglio delle nostre previsioni, è stato un buon anno. Siamo un paese solido e stabile". E ancora: "Pil + 0,8%, era previsto il +0,7%. Il Jobs Act è stato approvato e il tasso di disoccupazione è ancora alto ma è sceso all'11,5%, +47% di occupati a tempo indeterminato rispetto allo scorso anno. Ci sono più tutele e posti di lavoro, ma ancora non basta". E poi la previsione ottimistica: "Io sarò contento solo quando l'Italia tornerà leader in Europa, e questo accadrà, piaccia o non piaccia". E sull'immigrazione ribadisce: "Meno immigrazione rispetto all'anno scorso, il problema però è europeo".


"Populismo ko 4-0" - "No, non va tutto bene", sulla base di questi dati "c'è molto da fare", ma il premier ricorda che solo "un anno fa c'era una legislatura strascicata, che non riusciva ad andare avanti, che non riusciva ad eleggere il presidente della Repubblica. È evidente questo dato di fatto: l'Italia si è rimessa in moto e torna ad essere un grande Paese che può segnare la vittoria della politica contro il populismo: direi Italia batte populismo quattro a zero".


Legge elettorale "capolavoro"
- Impossibile poi non citare la legge elettorale, "l'operazione parlamentare più difficile di quest'anno, un capolavoro". "Si diceva che le riforme costituzionali sarebbero state l'ennesimo flop - prosegue Renzi, con stilettata ai soliti gufi -, invece l'11 gennaio saranno votate dalla Camera e ragionevolmente si andrà a stretto giro al Senato e poi immaginiamo il referendum a ottobre 2016 e saranno i cittadini a dire se sono riforme calate dall'alto".

Nessun rischio per le banche - "Non c'è rischio sistemico per le banche italiane", assicura ancora Renzi sottolineando che gli istituti italiani "sono molto più solidi di quelli di altri Paesi. Non cambierei il sistema italiano con quello tedesco nemmeno sotto pagamento". "Chi ha subito un danno deve sapere che il governo è dalla sua parte e il governo farà di tutto perché abbia indietro i suoi soldi, abbiamo a cuore le persone truffate".

Il nuovo slogan - "Il 2015 è stato l'anno delle riforme, degli ultimi tre il nostro governo è quello che ha fatto meno decreti legge e ha il più alto tasso di attuazione. Il 2016 sarà l'anno dei valori, oggi l'indice di fiducia è spaventosamente alto".

"Il mio ultimo incarico" - "Il presidente del consiglio sarà il mio ultimo ruolo pubblico", giura poi Renzi. Quando lo hai fatto "dopo lasci", ha aggiunto e ha scherzato: "Spero molto dopo quello che spera qualcuno di voi". "Questo sarà il mio ultimo servizio pubblico - ha sottolineato -. Quando hai questo approccio ti rendi conto che ciò che conta è il grande impegno perché l'Italia si rimetta in moto. Questo impegno io lo vedo e spero nel 2016 possano vederlo sempre di più tutti". 

L'Europa - "L'Italia non dichiara guerra all'Europa, anzi la sta difendendo, io non pongo polemiche ma delle domande sulle regole, vorremmo che le regole devono valere per tutti e la Cancelliera Merkel prenda atto che quando parla il premier italiano non sta attaccando l'Ue, ma è il presidente del Consiglio di un grande paese". Ricordando che il Pd alle ultime europee ha preso più voti del partito della stessa Merkel, Renzi chiede "il rispetto doveroso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ohmohm

    ohmohm

    01 Gennaio 2016 - 16:04

    Ecco...comincia a fare le valigie e sparisci dalla nostra vista bugiardo....racconti dappertutto delle falsità come se gli italiani, me compreso, avessero gli occhi coperti di mortadella. Fanfarone!

    Report

    Rispondi

  • TOCAI

    30 Dicembre 2015 - 14:02

    Haimè ! Chi ci crede ? Se lascia la politica perdendo il referendum sulle riforme, come pagherà le rate dei mutui che ha in corso ? O ne ha già fatti così tanti che......

    Report

    Rispondi

  • er sola

    30 Dicembre 2015 - 12:12

    Questo parla di riduzione delle tasse. Una famiglia del ceto medio paga allo stato circa 15250 euro l'anno tra Irpef, addizionali regionali e comunali, rifiuti, casa, televisione. Se non ci crede glielo dimostro dati alla mano, e tutto questo per aiutare i loro privilegi, clandestini, zingari, le coop e tutte quelle associazioni inutili e dannose.

    Report

    Rispondi

  • cicio1

    30 Dicembre 2015 - 11:11

    ma quando c'è entrato ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti