Cerca

Il nuovo anno del governo

Belpietro fa a pezzi Renzi: "Vi spiego perché il gufo è lui"

Belpietro fa a pezzi Renzi:

Il gioco è bello quando dura poco ma, essendoci di mezzo Matteo Renzi, ci dovremo attrezzare per un gioco più lungo del previsto.
Nonostante le promesse fatte l' altro giorno durante la conferenza stampa («se non riesco a far passare le riforme, mi dimetto»), il premier non ha nessuna intenzione di sloggiare da Palazzo Chigi. Dunque, non esistendo al momento un' opposizione in grado di dargli il foglio di via, conviene armarsi di pazienza, soprattutto per resistere alla sue battute. Che se all' inizio sembravano originali, adesso, diciamoci la verità, hanno un po' rotto. In particolare quella sui gufi. Non si sa chi gliel' abbia suggerita, ma appena incontra un ostacolo o una critica, il presidente del Consiglio lo aggira tirando fuori la storia di quelli che gufano contro l' Italia. Dire che il piano per l' occupazione ha prodotto più chiacchiere che assunti non vuol dire gufare contro il Paese, significa solo guardare in faccia i dati, cosa che evidentemente Renzi, ormai compreso nella parte, preferisce non fare. Scrivere che l' economia è cresciuta meno di quanto ci si sarebbe aspettati, grazie a fattori congiunturali esterni come il basso prezzo del petrolio e i tassi al minimo, non implica che qualcuno tifi perché il Pil scenda, ma solo che non intende farsi abbagliare dalle promesse del capo del governo.

E tuttavia, nonostante sia chiaro che i perplessi non siano volatili notturni ma solo persone minimamente dotate di spirito critico, Renzi insiste. Eppure, volendo usare il suo stesso metro, si potrebbe anche concludere che il gufo non è chi non si fa incantare dalle favole di Palazzo Chigi, ma lo stesso presidente del Consiglio, il quale per certi versi assomiglia al rapace notturno spesso da lui evocato. Il gufo non è un vero e proprio predatore, tipo ad esempio l' aquila, è un gregario che aspetta l' oscurità per acchiappare qualche animaletto. Il gufo non è coraggioso, ma uno che approfitta del momento.

Ecco, a Renzi è riuscita l' impresa di agguantare il momento giusto. Non quello della crescita, dello sviluppo, dell' espansione. No, il suo contrario. Lui ha afferrato il momento peggiore, quando in campo non era rimasto nessuno, cioè Bersani. Berlusconi era stato estromesso da una sentenza giudiziaria e Grillo - per evidenti ragioni - non poteva essere immesso. Dunque, l' arrivo dell' ex sindaco è coinciso con gli anni più deprimenti che si siano visti, ossia dopo Mario Monti ed Enrico Letta, due tizi che non possono proprio essere definiti allegroni. Grazie ai predecessori, uno come Renzi è apparso agli italiani un battutista, cioè una specie di Panariello della politica (senza offesa per Panariello). Ma il fatto che un portatore sano di buonumore sia arrivato nella stanza dei bottoni ha introdotto qualche significativo cambiamento nella vita degli italiani? La risposta è sì, ma in peggio. Il prodotto interno lordo, cioè l' unità di misura dell' economia, è peggiorato, scendendo così tanto che neppure lo 0,7 in più di quest' anno lo può riportare ai livelli pre crisi. L' occupazione è calata a tal punto che nemmeno i giochi con i numeri delle liste di disoccupazione convincono gli italiani di una sua ripresa. Il debito - nonostante le promesse di ridurlo e di tagliare le spese - è continuato a salire e ogni mese tocca nuovi record. Nel 2016 dovrebbe sparire la Tasi, ma nel complesso le tasse restano più elevate che nel passato e c' è il rischio che i Comuni, una volta privati del gettito sugli immobili, si rifacciano su altro.

Se poi a tutto ciò aggiungiamo quanto è successo sul fronte dell' immigrazione o nel settore bancario, c' è da fare gli scongiuri contro l' uccello del malaugurio che c' è capitato in sorte. È vero, anche in passato lungo le nostre coste approdavano i barconi, ma mai si era arrivati a una immigrazione così disordinata e mal gestita, con gruppi di immigrati distribuiti a destra e a manca e la minaccia di requisire gli immobili non messi a disposizione. Anche quando al governo c' erano Berlusconi o Monti le banche andavano in malora, ma mai si erano visti gli azionisti e gli obbligazionisti espropriati dei loro diritti di creditori. Senza dire poi del caos ambientale. Un fine anno a respirare veleni non lo avevamo ancora subìto, soprattutto non avevamo mai assistito a tanta improvvisazione nell' ora di decidere le contromisure. È ovvio che lo smog non è colpa di Renzi.

Ma idee tipo quella di far circolare le auto a 30 all' ora (come è noto le catalitiche funzionano ad alte temperature e su tragitti lunghi, altrimenti invece di ridurre le polveri sottili le si aumentano), invece sì.

Perciò, tornando alla domanda iniziale, il gufo non è chi descrive gli insuccessi del governo, ma lo stesso Renzi, il quale campa di continue emergenze. Lui non risolve i problemi, lui ne approfitta e più ne ha, più indossa i panni del salvatore. Ha cavalcato la crisi della sinistra per scalare il potere. Ha sfruttato il crollo dell' economia per varare una Renzonomics che ha portato utili solo a lui stesso. Si è servito dell' immigrazione per cercare di ritagliarsi un ruolo europeo e uno sconto sul rigore. Perfino dalla crisi delle banche ha provato a trarre vantaggio, cercando di sistemare certi affari. Sullo smog ci vende aria in scatola.

Il gufo allora è più lui dei suoi critici. Se per l' Italia le cose girassero meglio, di lui non ci sarebbe bisogno. Ma fino a quando si andrà di crisi in crisi, Renzi potrà spacciarsi per il solo che lotta contro i guai. Anche se in realtà è quello che li attira. Ergo, finché c' è sfiga c' è speranza. Per lui.

Maurizio Belpietro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franco Pezzali

    02 Gennaio 2016 - 18:06

    Forza Belpietro. Le critiche da cerebrolesi che ti vengono rivolte sono come gli applausi che riceveva il Soviet Supremo per i famosi "Piani settennali in Urss". Per questo applaudono il Fonzie nazionale. Loro sono abituati ad essere presi per il culo e più Fonzie lo fa più godono, salvo poi prendersela con te perché glielo fai notare. Dionisio poi in questo è un maestro......nzo!

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      03 Gennaio 2016 - 18:06

      Come non condividere, volevo aggiungerci qualcosina ma non lo faccio, perché il commento del Franco e bello così!

      Report

      Rispondi

  • Franco Pezzali

    02 Gennaio 2016 - 18:06

    Se.....se.....se....se avesse continuato.......Se valgono le realtà per Renzi valgono anche le altre, quelle di Berlusconi. se vogliamo parlare col "SE", diciamo allora : se non fosse calato a dismisura il petrolio, dove ci avrebbero portato i vs Fonzie_Napolitano? Pidioti del cazzo, non vi guardate mai intorno coi poveri e disperati che avete creato? Ragionate! Siamo già nel 2016!

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      03 Gennaio 2016 - 18:06

      A ricondivido pienamente.

      Report

      Rispondi

  • r.carpine

    02 Gennaio 2016 - 17:05

    D'accordissimo! Anch'io mi sento un "gufo" allorquando prevedo la prossima fine del "renzismo" perchè "potete ingannare tutti per un pò,qualcuno per sempre,ma non potete ingannare tutti per sempre" Troppi errori,troppe promesse non mantenute,troppe ingiustizie.Soprattutto contro i pensionati disabbienti !

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      03 Gennaio 2016 - 18:06

      E condivido pienamente con r.carpine, specialmente x il suo finale dove cita quello che nessuno nemmeno la Chiesa e nemmeno il Governo Italiano anno avuto mai il coraggio di nominare, Direttore non censurarmi perchè e la sacra verità, i sopracitati parlano sempre dei Clandestini cambiandogli il nome immigrati che ce ne saranno il 10/20% gli altri sono venuti x delinquere vedere cronache giornalier

      Report

      Rispondi

  • imahfu

    02 Gennaio 2016 - 12:12

    Il gufo è un uccello...che ti ha fatto un mazzo così. Ah, Bello Pietro, ripensaci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti