Cerca

La rivelazione Ipr Marketing

Il sondaggio che manda a casa Renzi. Prepari la valigia: ecco i numeri

Il sondaggio che manda a casa Renzi. Prepari la valigia: ecco i numeri

Matteo Renzi farebbe bene a tenere pronto il trolley se vuole mantenere fede alla promessa fatta nell'ultima conferenza stampa di fine 2015, quando ha detto che se dovesse fallire il referendum sulla riforma del Senato, considererebbe conclusa la sua esperienza politica. L'appuntamento di ottobre si avvicina con presupposti non proprio rosei per il presidente del Consiglio, stando al sondaggio Ipr Marketing pubblicato sul Giorno. La rilevazione descrive tutta la delusione degli italiani per l'abolizione "a metà" del ramo del Parlamento, con il 65% degli intervistati che ne avrebbe voluto la totale abolizione e il passaggio a un sistema monocamerale "senza se e senza ma". Una netta maggioranza, il 77%, ritiene necessario modernizzare il sistema istituzionale italiano per rendere più efficente il sistema decisionale dello Stato, ma il piano di Renzi convince pochissimo. La delusione emerge anche sulla Camera, che il 55% avrebbe voluto vedere ridotta nel numero dei parlamentari.

Italicum - Non piace neanche la legge elettorale voluta fortemente dal premier. Il sistema dei nominati in Parlamento, già bocciato dalla Corte costituzionale, non è stato scalfito dall'introduzione dell'Italicum e a riconoscerlo è il 55% degli italiani che reclama la reintroduzione piena delle preferenze, oggi previste solo per un terzo dei parlamentari. Il 58% degli intervistati poi vorrebbe il ripristino del Mattarellum, con i collegi uninominali. Piace almeno l'idea del ballottaggio, sistema già sperimentato da anni con l'elezione dei sindaci: lo ritiene un punto positivo il 63% e per il 60% è una buona cosa anche l'accorpamento dei partiti per il secondo turno.

Chi vota - L'appuntamento del prossimo ottobre è un referendum confermativo che non richiede il raggiungimento del quorum del 50%+1. A parole gli intervistati si dicono sicuri per il 63% di votare "sì" una volta nell'urna. Ma quelli convinti sin da ora di recarsi al seggio per mettere la propria crocetta sulla scheda sono solo il 40%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    08 Gennaio 2016 - 16:04

    Berlusconi rinasce. Or deve passare l'allattamento, lo svezzamento, l'infanzia; quando é quasi adulto va in galera

    Report

    Rispondi

  • Atlantideo

    08 Gennaio 2016 - 15:03

    Sono quattro anni che Berlusconi vince nei sondaggi. Purtroppo, poi si deve andare a votare ....

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Gennaio 2016 - 08:08

    Andrà a casa certo ma i danni che ha causato NON li pagherà lui ne CHI lo ha impoltronato.

    Report

    Rispondi

  • casa_mamma

    04 Gennaio 2016 - 08:08

    Renzo ha fiducia della sfiducia degli italiani che stanchi di tutta la politica non andranno a votare .Infatti se non si raggiungerà il quorum il referendum fallira e questo per lui non sarà certamente una bocciatura.Bisognera perciò che questa postilla del quorum venga eliminata oppure venga applicata a tutte le votazioni, queste eccezioni alle regole non sono per niente democratiche e devono essere eliminate come ad es andare in pensione a 67anni deve valere per tutti compresi coloro che le fanno,via i vitalizi con i vari cumuli o si tolgono i si applicano a tutti,via sanita speciale per loro....ecc ecc questa e la vera democrazia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog