Cerca

L'indiscrezione

"INDAGATO IL PAPÀ DELLA BOSCHI"
La voce che rimbalza dal Palazzo

"INDAGATO IL PAPÀ DELLA BOSCHI"La voce che rimbalza dal Palazzo

La voce rimbalza al Csm dopo le dichiarazioni del procuratore di Arezzo Roberto Rossi e lette le relazioni degli ispettori di Bankitalia. "Il papà della Boschi sarà presto indagato". Ne parla Il Giornale che spiega come a Palazzo dei Marescialli si dia per scontato  l'iscrizione nel registro degli indagati. Al centro dell'audizione al Csm c'era stata la posizione del titolare delle inchieste aretine e la sua eventuale incompatibilità con l'incarico di consulenza giuridica alla Presidenza del Consiglio. Se il vicepresidente Boschi ha una posizione rilevante nelle indagini di Arezzo, la mancanza del pm sarebbe più conceta.

Il ruolo di papà Boschi -  Il punto centrale - come scrive Il Giornale - appare la presenza di Boschi nella Commissione consiliare informale formata da presidente, due vicepresidenti e pochi consiglieri che, per gli ispettori di Bankitalia, prendeva le decisioni più importanti senza informare il Cda e senza una verbalizzazione.  Su questo punto Rossi, nell' audizione, è caduto in contraddizione. Alle domande esplicite ha risposto che Boschi non c' era, ma che l' organismo-ombra era nella precedente gestione giudata Giuseppe Fornasari, indagato ad Arezzo prima del suo successore. Nell' ultima relazione di Palazzo Koch, invece, si parla chiaramente di questa specie di direttorio in relazione del consiglio d' amministrazione insediatosi a maggio 2014, proprio quando Rosi divenne presidente e Boschi il suo vice. Ci si chiede per quale motivo Rossi l'abbia negato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    15 Gennaio 2016 - 10:10

    L'importante è credere alle balle che spara Renzi, il resto è nulla. C'era una volta un partito che mobilitava le piazze per denunciare il conflitto di interessi dell'allora premier (legalmente eletto), ora, il medesimo partito, che tra le altre cose ha le mani in pasta con molti istituti di credito, nega spudoratamente che esista un conflitto di interesse...Che dire, è l'ipocrisia renziana.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    14 Gennaio 2016 - 15:03

    Come non condividere con eziocanti ha centrato l'obbiettivo, sono tutti persone per bene qui va a finire che solo chi sono stati truffati non sono persone per bene!!!

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    14 Gennaio 2016 - 15:03

    Come non condividere con eziocanti ha centrato l'obbiettivo, sono tutti persone per bene qui va a finire che solo chi sono stati truffati non sono persone per bene!!!

    Report

    Rispondi

  • babbone

    14 Gennaio 2016 - 15:03

    tutte chiacchiere, non succederà niente a nessuno, anzi, solamente al popolino che a perso tutti i risparmi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog