Cerca

L'indiscrezione

Caos Quarto, spunta una chat segreta. I sospetti (e le invidie) tra i big grillini

Caos Quarto, spunta una chat segreta. I sospetti (e le invidie) tra i big grillini

Il sindaco grillino di Quarto, Rosa Capuozzo, lo ripete da quando il caso del suo comune è salito alle cronache nazionali: lei aveva avvertito il direttorio del Movimento sulle minacce personali e politiche che stava subendo. Tre pezzi dei vertici grillini, Luigi Di Maio, Roberto Fico e la special guest Alessandro Di Battista, a loro volta hanno minacciato stampa e avversari: "Chi dice che sapevamo delle minacce sarà querelato" avevano detto nel video di autodifesa pubblicato due giorni fa su Facebook. Ma quella estraneità ostentata vacilla davanti alle nuove indiscrezioni emerse dalle pagine del Mattino, secondo le quali i due parlamentari campani usavano una chat riservata a un numero ristretto di persone, un gruppo su Whatsapp aperto anche a qualche parlamentare campano per comunicare con i consiglieri comunali e il sindaco Capuozzo.

Gli effetti - Il caso Quarto potrebbe essere l'occasione imperdibile per i detrattori dei componenti del Direttorio. Il primo sotto esame è Roberto Fico, unico grillino a presiedere una commissione parlamentare, quella della Vigilanza Rai. Già in passato, riporta il Mattino, era stato considerato un presidente "impalpabile" che non avrebbe "lasciato il segno". I malumori arrivano dai senatori rimasti senza una poltrona che rimproverano a Fico la sua totale inerzia davanti alla Riforma Rai di Matteo Renzi, all'inserimento del Canone nella bollletta elettrica. Senza dimenticare lo scivolone del brindisi taroccato da Raiuno, con l'anticipo di 40 secondi sulla mezzanotte di Capodanno.

Malpancisti - Sulla graticola c'è anche Luigi Di Maio, che però ha saputo mantenere più distacco e freddezza sulla questione Quarto, per quanto la base grillina tiri in ballo anche lui quando rimprovera di aver capito troppo tardi quel che stava succedendo nel comune in odore di Camorra. I mal di pancia non mancano neanche all'interno dello stesso Direttorio dove invidie e gelosie stanno emergendo man mano. L'ultimo caso è il video già citato nel quale compare "l'esterno" Di Battista, laziale del tutto estraneo ai fatti campani e che soprattutto non si era mai espresso prima di quel momento sul terremoto di Quarto. La sua presenza sarebbe stata voluta direttamente da Gianroberto Casaleggio per mettere una bella pezza con l'ultimo personaggio pentastellato che non è ancora finito nel tritacarne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ben Frank

    Ben Frank

    16 Gennaio 2016 - 00:12

    Loro non sono come gli altri partiti... sono pure peggio!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    14 Gennaio 2016 - 15:03

    Prima della apparizione in TV di Luigi Di Maio, Roberto Fico liavrei votati per fare crollare il PD. Però ho notato un certa freddezza che mi ha fatto pensare che loro siano d'accordo con progetti sotto banco contro la Sindachessa. Questo mi da molto fastidio e mi riconduce loro al sistema PD. Sono senza meno falsi e si stanno trattenendo da insulti a tutti fin alla loro elezione; poi chi sa ...!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    14 Gennaio 2016 - 14:02

    Sono derroni, non cambieranno mai. Hanno drovado gasa al Barcameno e con drugghi e segredi gi rimarranno sul gobbo ber dudda la vida.

    Report

    Rispondi

blog