Cerca

L'intercettazione e il ripensamento. La frase della Capuozzo che inguaia Fico

L'intercettazione e il ripensamento. La frase della Capuozzo che inguaia Fico

I capi del Movimento 5 Stelle sapevano dei contrasti fra i pentastellati a Quarto e per questo organizzarono anche una riunione a cui partecipò, come riporta il Corriere della Sera, anche Roberto Fico. I titolari dell'inchiesta sulle infiltrazioni della camorra e sul voto di scambio (il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli e il sostituto Henry John Woodcock) hanno ricostruito quanto è accaduto negli ultimi tre mesi nel paesino campano smentendo la versione ufficiale fornita dai vertici del M5s. Il sindaco Rosa Capuozzo ha poi cambiato versione e nel secondo interrogatorio ha cominciato a confessare che aveva informato il "direttorio", di cui fanno parte, oltre a Fico anche Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista.

Il verbale è ancora segreto ma secondo indiscrezioni la Capuozzo ha parlato degli incontri con Fico e delle comunicazioni con Roma, addirittura di una partecipazione di Fico alla riunione del Consiglio comunale per cercare di risolvere la frattura interna ai pentastellati. Il sindaco ha anche chiarito cosa accadde con Di Maio visto che nelle conversazioni intercettate con alcuni consiglieri spiegava di avergli chiesto di intervenire e che secondo lei "ci devono commissariare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • saltimbanco

    16 Gennaio 2016 - 17:05

    Fico e soci hanno imparato in fretta a mentire, del resto ormai a pieno titoli sono entrati nella casta dei politici che mentono per il bene del popolo bue.

    Report

    Rispondi

  • saltimbanco

    16 Gennaio 2016 - 17:05

    Fico e soci hanno imparato in fretta a mentire, del resto ormai a pieno titoli sono entrati nella casta dei politici che mentono per il bene del popolo bue.

    Report

    Rispondi

blog