Cerca

Intervento armato

Paolo Gentiloni: "In Libia pronti a operazioni militari"

Paolo Gentiloni:

L’Italia è «pronta» a collaborare in eventuali operazioni militari in Libia, "se richiesto". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, in conferenza stampa a Bruxelles al termine del consiglio Affari esteri. Parlando a proposito delle dichiarazioni del ministro della Difesa tedesco Ursula von der Leyen, che ha annunciato che la Germania non ha escluso l’invio di soldati in Libia, Gentiloni ha spiegato che la ministra tedesca "ha usato un linguaggio che usiamo da settimane tra Paesi alleati sulla Libia", e cioè che "se ci verrà richiesto siamo pronti a dare un contributo e se questo sarà anche da parte della Germania, l’Italia ne sarà compiaciuta". Ad ogni modo, ha aggiunto, "abbiamo bisogno di un passo avanti ulteriore, in discussione in questo momento, con la nascita di un governo che possa rivolgersi alla comunità internazionale". Insomma, è ormai opinione degli osservatori che, instaurato un governo formale nel paese africani, scatteranno i blitz aerei contro l'isis come ormai da mesi accade in Libia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oenne

    23 Gennaio 2016 - 18:06

    itallia pronta si !!!!! akka e alla ___ne importe quoi !!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Nano72

    19 Gennaio 2016 - 12:12

    Il numero esiguo di velivoli (forse indicativo dello scarso livello di operatività della linea di volo) non suggerisce uno schieramento in vista di azioni belliche, spese se non è stato ridislocato in loco anche un aereo da rifornimento in volo, considerata l'autonomia del velivolo in questione. Forse lo scopo è la copertura della piattaforma petrolifera ENI al largo di Tripoli già minacciata

    Report

    Rispondi

  • c.berveglierivirgilio.it

    19 Gennaio 2016 - 12:12

    Ma se fino a mezz'ora fa avete dichiarato che mai e poi mai i nostri militari sarebbero stati impegnati in una . . .offensiva ? Ormai anche in Europa hanno capito da un pezzo con chi hanno a che fare in Italia : un'accozzalia di inesperti , incapaci , inadeguati dilettanti allo sbaraglio della politica : il Renzi è un gatto con il pelo diritto per sembrare un leone fa ridere tutti quanti ormai !!!

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    18 Gennaio 2016 - 20:08

    Data la posizione geografica dell'Italia, vicinissima alla Libia, e passaggio prediletto dell'immigrazione, sarebbe bene agire nelle retrovie senza esporsi troppo, sarebbe facilissimo farci attentati da parte dell'isis, e anche per capacità belliche molto inferiori delle altre nazioni, capisco che è un discorso arrendevole, ma la realtà è questa.

    Report

    Rispondi

    • fortunato.blasa

      19 Gennaio 2016 - 08:08

      Non sono un guerrafondaio,ma trovo stucchevole la posizione di chi con la mano si copre la bocca e dice agli altri vai avanti tu che mi viene da ridere.I confini sono i nostri? Allora difendiamoli o cediamoli se siamo degli inetti.

      Report

      Rispondi

      • arwen

        19 Gennaio 2016 - 09:09

        Di stucchevole c'è il fatto che tutti sono propensi all'azione, ma nessuno vede più in là del proprio naso. I bombardamenti non servono ad una fava se poi non si è pronti ad occupare il territorio, ma per occupare il territorio devi essere pronto a veder tornare a casa sacchi neri pieni di giovani italiani. Se avete questo fegato, allora parlate, altrimenti tacete. Per far la guerra serve coraggio

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog