Cerca

Renzi accerchiato in Europa

Stefano Sannino rimosso da ambasciatore a Bruxelles: al suo posto Carlo Calenda

Dopo Scheuble, è stato oggi il presidente del Partito Popolare Europeo Weber, un altro tedesco, a sparare a zero contro il premier italiano Matteo Renzi, dicendo che  "mette a rischio la coesione dell'Europa". ore prima, il presidente della commissione europea aveva detto che "Roma manca come interlocutore in Europa". parole pesantissime. Cosicchè, oggi, Renzi ha deciso di far cadere quella testa che era data per pericolante già da alcune settimane, rimuovendo anzitempo dal suo incarico l'ambasciatore italiano a Bruxelles, Stefano Sannino. Individuato, evidentemente, come il "colpevole" dello stallo o il "capro espiatorio" da sacrificare per la scarsa influenza di Roma nelle principali questioni europee. Al suo posto andrà l’attuale vice ministro allo Sviluppo,  Carlo Calenda. Lo si apprende da fonti di governo. La nomina verrà  formalizzata domani in Consiglio dei ministri. Per Sannino dovrebbe  prospettarsi il "trasloco" a Madrid.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    19 Febbraio 2016 - 18:06

    Qualcuno dica al capo della banda del Giglio che la testa saltata è la sua....Non se ne è ancora accorto.

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    20 Gennaio 2016 - 10:10

    Renzi è arrivato il tuo momento di lasciare il comando ad altri soggetti che siano più responsabili, credibili e che finalmente lavorino per fare veramente gli interessi degli Italiani e non quelli del partito e dei lecca culo del partito. Perché non te ne ritorni a fare il quiz "Gira la Ruota". Ecco quello è il posto dove sicuramente la tua eccelsa intelligenza troverà la giusta collocazione.

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    20 Gennaio 2016 - 10:10

    E' arrivata l'ora di Renzi. Ora, il suo arrogante e inconcludente modo di fare non è più gradito alle istituzioni Europee. E, quando queste ultime decideranno di spegnere la luce, per l'Italia diventerà un periodo molto, ma molto buio. e rappresenterà la fine del saputello presuntuoso. C'è solo da sperare che il vanaglorioso capisca che è arrivato il momento di passare il comando ad altri

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Gennaio 2016 - 09:09

    Di comico c'è che il PD, ormai da svariati anni, elabora una propria immagine della realtà e continua pervicacemente ad agire in base a quella che è solo una presunzione, ignorando costantemente i segnali che dal mondo reale giungono e che contraddicono il teorema del partito. Con Renzi questa attitudine si è amplificata, ma ciarle e chiacchiere non possono scalfire la realtà. Le cose nn vanno!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog