Cerca

Polveriera a Cinque Stelle

La (gravissima) accusa a Di Maio. L'ex M5s: "Io so che la sua donna..."

Serenella Fucksia

Nei giorni più difficili per il M5s, scosso dal caso Quarto e con un Beppe Grillo che affaccia l'ipotesi del suo ritiro dalla politica, arrivano altri attacchi firmati da Serenella Fucksia, la senatrice che dopo tre anni ha abbandonato i grillini, accusati di essere un buco nero che "inghiotte trasparenza e meritocrazia". Dopo la sua denuncia, va da sé, è stata espulsa. Ora fa politica dal gruppo Misto, e spiega che nel suo futuro, probabilmente, tornerà a fare il medico. Ma, si diceva: le nuove badilate. La Fucksia, infatti, in un'intervista a Il Giornale rincara: "Oggi la delusione è totale per aver scoperto che M5s è un partito come gli altri. Anzi peggio" perché "ha illuso l'elettorato che lo ha votato in massa, nella certezza che avrebbe fatto una politica diversa".

La senatrice continua nella sua intemerata, spiegando che "la vicenda Capuozzo è lo specchio di un movimento ormai allo sbando". Dito puntato contro Roberto Fico e Luigi Di Maio, che "sapevano", ma "loro sono intoccabili". Avvelenata, Serenella accusa il M5s anche di scarsa trasparenza: "Il nostro gruppo - riprende - beneficia di enormi finanziamenti. Come vengono usati questi soldi? Sono stati stipulati contratti onerosissimi a beneficio dei soliti noti". E quando le si chiede chi siano questi "soliti noti", senza indugi azzanna ancora: "Sa, ad esempio, chi teneva i nostri corsi di comunicazione? La fidanzata di Di Maio". Insomma, la Fucksia accusa il M5s di stipendiare la fidanzata di Di Maio, leader in pectore del Movimento (che però, a Libero, aveva spiegato di aver conosciuto la ragazza proprio negli ambienti del M5s, depotenziando di fatto l'accusa della Fucksia).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    25 Gennaio 2016 - 12:12

    Ma possibile che non capite che la responsabilità è personale? In ogni partito ci sono gli onesti e i diversamente onesti. Ci vuole una legge valida per tutti i partiti: chi commette reati ( finanziamenti illeciti, tangebni, corruzione ecc) deve dimettersi e pagare i danni

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    25 Gennaio 2016 - 12:12

    il vizietto del familismo e del nepotismo non risparmia nemmeno il sussiegoso,ingessato e manicheo sepolcro imbiancato che risponde al nome di Di Maio.e nei cinque stelle non e´il solo:la senatrice del 5Stelle Lezzi eletta a lecce assunse la fidanzata del figlio...come razzolano male!

    Report

    Rispondi

  • oviivo

    24 Gennaio 2016 - 19:07

    Se Di Maio non la querela non votero mai pui M5S !!!!!!

    Report

    Rispondi

    • emigratoinfelix

      25 Gennaio 2016 - 13:01

      errare e´umano,perseverare diabolico....non beva porcherie prima di andare a votare,per favore...

      Report

      Rispondi

  • imahfu

    24 Gennaio 2016 - 19:07

    Lo cinco de Mayo. Ei fu siccome immobile ecc... Si adatta bene al grillino. E chi dubitava che fossero come gli altri= Uno scemo qualsiasi, forse,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti