Cerca

Al voto al voto

Una spietata Meloni, fa saltare due teste: chi vuole fuori dai giochi

Una spietata Meloni, fa saltare due teste: chi vuole fuori dai giochi

Giorgia Meloni scende in campo: sì alle primarie a Roma, ma con una condizione. La leaderi di Fdi-An, infatti, non vuole né Francesco StoraceAlfio Marchini nella contesa. "Le primarie per Fratelli d'Italia - ha spiegato su Facebook - sono uno strumento importante se i partiti del centrodestra accetteranno di utilizzarle come metodo in tutte le grandi città nelle quali si vota, noi siamo pronti. È fondamentale che sul metodo siano d'accordo gli alleati perché per queste elezioni amministrative abbiamo dato priorità alla compattezza della coalizione. La battaglia è nazionale e sceglieremo con lo stesso strumento i candidati di Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, ecc. e li presenteremo insieme".

Ma, come detto, Giorgia pone una condizione netta: "Le primarie per scegliere i candidati - continua - devono avere tre caratteristiche. La prima è il rifiuto del modello elitario americano che ha allontanato gli elettori dalle urne. Per noi deve esserci la massima partecipazione popolare. Si va in mezzo alla gente con i gazebo. La seconda è che alle primarie del centrodestra partecipi solo chi dichiara "Sì" alle primarie, ma solo se i partiti di centrodestra accetteranno di utilizzarle in tutte le grandi città. Deve partecipare solo chi condivide i principi di centrodestra a livello nazionale e locale. No a chi è già stato bocciato dagli elettori di (...). Chiarezza e coerenza soprattutto. Nessuna larga intesa. La terza: la discontinuità con le esperienze fallimentari del passato già bocciate dagli elettori".

E sono le ultime due condizioni quelle che, di fatto, taglierebbero fuori sia Marchini sia Storace, esclusi dalla cosiddetta "foto di Bologna" e, già in passato, usciti sconfitti da diverse competizioni elettorali (Comunali a Roma per Marchini, Regionali per Storace). Da parte di Storace, è arrivata subito una piccata replica, su Twitter: "Primarie da soli. Primarie con chi dicono loro. Primarie a condizione che. Ma siete sicuri che poi alle elezioni ci trovate in fila per voi?", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    25 Gennaio 2016 - 18:06

    Siamo alle solite. La destra se continua a volere solo il capetto che dirige non va da nessuna parte. Si devono raccogliere tutte le forze, anche coloro che hanno una diversa linea politica di destra. Saranno gli elettori a premiare l'una o l'altra. Pretendere di farlo d'autorità è la cosa più stupida da fare. Otterrete le poltrone ma perderete la "guerra" elettorale.

    Report

    Rispondi

  • vittorio.scialpi

    25 Gennaio 2016 - 17:05

    Azzz. gli piace vincere facile e, magari come unica concorrente. Ma ci faccia il piacere

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    25 Gennaio 2016 - 16:04

    il principe che governerà Roma per volontà del Papa Re sarà Marchini.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    25 Gennaio 2016 - 13:01

    Ricordo alla vecchietta ignorante che scrive qui sotto, che il centro destra è Lega e Salvini e le percentuali attuali danno la Lega sopra il 22%.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog