Cerca

Finta democrazia

Monti: Sì alla grande coalizione per affrontare i problemi

Silvio: "Sorpasso avvenuto". Il Prof ha paura di non governare e rilancia: "Grandi intese per superare i problemi"

Mario Monti

Mario Monti

 

Il centrodestra, assicurano Silvio Berlusconi e Roberto Maroni, ha messo la freccia e ha superato Pier Luigi Bersani e compagni. Per la sinistra lo spettro della sconfitta alle elezioni è sempre più concreto. Anche Mario Monti e i "centrini" hanno paura: sanno che con il Pdl al governo per loro e le loro tasse non c'è spazio. E così, come è sempre successo nei momenti di maggiore difficoltà in questa campagna elettorale, ecco che la sinistra e il centro tornano a strizzarsi l'occhio, a farsi le fusa, nella speranza che il loro inciucio gli possa permettere di governare il Paese. 

La grande coalizione - L'ennesimo invito è arrivato da Mario Monti: "Per affrontare i problemi dell'Italia serve un consenso piuttosto largo - ha spiegato a Messaggero TV -. Mi sono dichiarato spesso a favore di grandi coalzioni, anche quando era una bestemmia dire questo sebbene accadesse già in Germania. Uno spirito di larga condivisione penso si una cosa positiva per il Paese, e condividere le alte cariche istituzionali potrebbe aiutare in questo senso". Il Professore torna così sulla grande coalizione, e di fatto apre: un messaggio esplicito al Partito Democratico.

Scimmiottare il Cavaliere - Per provare a salvarsi la faccia, il premier uscente riserva poi una stoccatina al futuro alleato Bersani: "Ha fatto esperienze di governo, non molte esperienze internazionali, finora. Ma se toccherà a lui saprà assumersi le sue responsabilità". Nel suo intervento, il Professore continua nel tentativo di scimmiottare Silvio Berlusconi e rilancia con una "proposta choc". Che cosa farà, signor Monti, in caso di vittoria nel primo Consiglio dei ministri? Questa la risposta del tecnico: "Un disegno di legge costituzionale per ridurre della metà il numero dei parlamentari, un decreto per ridurre il carico fiscale sui lavoratori e sulle imprese. Più una cosa che annuncerò nelle prossime ore". Eccola, la presunta "bomba" di Monti. Per ora ancora segreta, ma che in pieno stile-berlusconiano il Professore intende annunciare proprio a ridosso del voto. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tacos

    20 Febbraio 2013 - 13:01

    Dati freddi Istat: fatturato -10%, ordini -15%, edilizia- 15% e poi auto, consumi, disoccupazione... questo Signore provveda a rovinare la sua "famigliola del Varesotto" e lasci stare le nostre che ne abbiamo le tasche piene del suo salvataggio dal "baratro" e della sua "rispettabilità". Per il baratro ha provveduto, in un solo anno, per tutti gli Italiani e per la rispettabilità la chieda agli esodati e disoccupati. A proposito della pelosa rispettabilità-Merkel & company e se non ha elementi di giudizio si faccia una passeggiatina ad Atene (Grecia) li potranno illuminarlo sulla tanto citata.

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    20 Febbraio 2013 - 02:02

    Nel 2011 dopo 3 anni e mezzo di Governo Berlusconi IV l'Italia era prossima al default. Se non fosse arrivato Monti sarebbe successo come in Argentina 10 anni fa. Lo stato non può rimborsare il debito. Le Banche, piene di titoli di stato, in fallimento. I vostri risparmi in BOT BTP CCT carta straccia. I vostri conti correnti bloccati. MONTI HA SALVATO L'ITALIA DAL DEFAULT, SARA' SCRITTO NEI LIBRI DI STORIA.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    19 Febbraio 2013 - 22:10

    Ora, la gente lo schifa e non lo vuole più nemmeno come ferro arruzzonito. gli sta bene; se ha ancora un filo di onestà intellettiva, sparisca e non si faccia più sentire e prima di andarsene, quel posto da senatore lo dia a uno come me o altri come me che si sono battuti e sono stati condannati a morte dai nazifascisti per questa Patria offesa e vituperata da una banda di politicanti nda strapazzo compreso colui che dopo che ha finito di vivere ci è venuto a dire che egli non era un comunista. saluti da un ex fervente comunista senza più partito.

    Report

    Rispondi

  • mammagigi1

    19 Febbraio 2013 - 22:10

    a una carica di consigliere nel comune di montesgrippone

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog