Cerca

Protesta ufficiale

Caso Calenda, la lettera degli ambasciatori e dei diplomatici contro Matteo Renzi

Caso Calenda, la lettera degli ambasciatori e dei diplomatici contro Matteo Renzi

I diplomatici italiani in rivolta contro Matteo Renzi. La gaffe delle statue velate per la visita dell'iraniano Rohani, visto da qualcuno come una maliziosa vendetta da parte della Farnesina nei confronti del premier, potrebbe non essere un caso, perché ora arriva la conferma ufficiale. Due lettere, una firmata da 230 diplomatici in carriera, l'altra da 24 ambasciatori di grado, protestano per la nomina del viceministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda a rappresentante permanente dell'Italia presso l'Unione europea. A non andar giù al corpo diplomatico non è tanto l'uomo, quanto il metodo: praticamente mai era stato preferito un politico a un diplomatico di carriera. Tra l'altro, Renzi non era stato tenero con il rappresentante sostituito, Stefano Sannino, giudicato poco combattivo. Uno schiaffo per tutta la categoria. 

"Qua è pieno di rissosi" - La prima lettera, come scrive anche il Corriere della Sera, è stata inviata al segretario generale Michele Valensise e al capo di gabinetto del ministro Elisabetta Belloni ed esprime "sorpresa e preoccupazione" per la scelta di Calenda e "il declino di autorevolezza dell'Amministrazione degli Affari esteri". Si chiedeva di rivedere la decisione, ma Renzi ha tenuto duro. Unico risultato: poter incontrare i due destinatari della lettera. Un caso politico, visto che al secondo dei due summit ha partecipato anche il ministro Paolo Gentiloni. Valensise ha spiegato che la designazione di Calenda è da considerare una eccezione, e non la regola. Molti però non sono stati convinti e qualcuno ha anche commentato con amara ironia una battuta di Renzi in persona: "Serviva uno rissoso? Ma qui è pieno di gente rissosa. Il punto è se basta battere i pugni".

La protesta degli ambasciatori - Con Renzi i giovani ambasciatori si sono detti "profondamente disorientati": "Non ci si improvvisa ambasciatori, si diventa diplomatici non solo col superamento di un concorso pubblico fra i più selettivi, ma attraverso un percorso di professionalità, responsabilità e continue valutazioni". La scelta di un politico per Bruxelles "equivale a ignorare tutto questo" e per questo "le chiediamo fin da ora una conferma della sua eccezionalità e del fatto che non si avranno in futuro altre nomine politiche". Toni di fatto confermati anche dalla lettera degli ambasciatori di grado, che lanciano un "fermo e pressante appello a contribuire a ristabilire il clima di motivazione, coesione e fiducia, specialmente nelle più giovani generazioni di diplomatici".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ndpugliese

    30 Gennaio 2016 - 18:06

    Staremo a vedere se in futuro i giovani diplomatici accetteranno il trasferimento in sedi estere caratterizzate da molto lavoro e da indennità non allettanti. Attualmente questi giovani preferiscono rimanere a Roma a fare fotocopie ...... Che la decisione improvvisa di Renzi sia motivo per un ripensamento del loro ruolo all'estero.

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    30 Gennaio 2016 - 17:05

    230 diplomatici in carriera + 24 ambasciatori di grado . Che roba è ? 196 sono gli stati riconosciuti a livello internazionale . Togliamo quelli piccoli e rimane si e no la metà di 254 . Tagliare !

    Report

    Rispondi

  • summer1

    30 Gennaio 2016 - 10:10

    Per cambiare questa Italia Ingessata ed antica servirebbero tanti Renzi ed in ogni area politica!

    Report

    Rispondi

    • arwen

      30 Gennaio 2016 - 12:12

      Guarda, è proprio perchè abbiamo avuto e abbiamo tanti Renzi in ogni area politica che siamo ridotti così. Sveglia!

      Report

      Rispondi

  • summer1

    30 Gennaio 2016 - 10:10

    Per cambiare questa Italia Ingessata ed antica servirebbero tanti Renzi ed in ogni area politica!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog