Cerca

Accusa tossica

L'onorevole accusa i colleghi: "50 drogati in Senato. Chi sono? Occhio a quel dettaglio"

L'onorevole accusa i colleghi:

Le voci sul fatto che in Parlamento circoli della droga si rincorrono incessanti da anni. Ma, ad oggi, nessun "onorevole drogato" è stato pizzicato o colto sul fatto, men che meno ha mai ammesso di ricorrere all'utilizzo di sostanze stupefacenti, droghe pesanti nel dettaglio. Ora, però, ad alzare il velo sui "politici tossici" è Lucio Barani, esponente di spicco di Ala, il gruppo di Denis Verdini. Il senatore sgancia un razzo termonucleare: "Sui 315 senatori, una cifra tra i 50 e i 70 fa uso di droghe pesanti. Certi interventi che si ascoltano non sono giustificati solo dalla mancanza di cultura", spiega il verdiniano, lasciando intendere che alcuni senatori, dunque, prendano la parola mentre si trovano sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Un accusa gravissima. E Barani prosegue: "Fossi stato presidente del Senato avrei fatto delle analisi ambientali nei bagni, l'ho capito dalle pupille". Il senatore, che è medico, sottolinea: "Uno che all'ombra ce le ha strette quando dovrebbero essere dilatate, oppure miotiche in piena luce, ha assunto qualcosa". Quando chiedono a Barani se i senatori drogati sono più di destra o di sinistra, lui risponde: "Sono solo dei cialtroni che sono capitati in Senato, facciamo l'esame del capello prima di iniziare gli interventi in aula. Io l'ho fatto", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peaeye

    29 Ottobre 2016 - 14:02

    I veri drogati sono quegli idioti che continuano a votare per questa masnada di imbroglioni e profittatori...

    Report

    Rispondi

  • glacial68

    19 Settembre 2016 - 11:11

    non si giudicano le persone in base a ciò ma in base al lavoro svolto,ed in base a questi risultati dovrebbero essere presi provvedimenti,scorciatoie indecenti per levarsi dai coglioni chi da fastidio e non si riesce a rimuoverlo in altri modi,quindi assumere una sostanza diventa discriminatorio,cercando la morte civile di costoro,sono ben altre le cose da cambiare per evitare che entrino disonest

    Report

    Rispondi

  • al59ma63

    22 Febbraio 2016 - 01:01

    Test antidroga all' entrata del Parlamento se positivi fuori dalle palle e ineleggibilita' permanente.

    Report

    Rispondi

  • mirabile

    12 Febbraio 2016 - 07:07

    Il Senato di un'Italia che muore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog