Cerca

Trama da spy-story

Il complotto per far cadere Renzi: chi sono i mandanti, chi lo sostituirà

Il complotto per far cadere Renzi: chi sono i mandanti, chi lo sostituirà

Claudio Cerasa sul Foglio lo chiama il "club degli ex premier". Sono tre, tutti di sinistra e tutti rigorosamente anti-renziani: Romano Prodi, Massimo D'Alema ed Enrico Letta. Secondo Cerasa, grazie alle loro influenti entrature presso diplomazie e burocrazie europee e apparati ministeriali interni, da settimane stanno cercando di far cadere Matteo Renzi. Un piano che, suggeriva anche Luigi Bisignani, vede confluire inchieste giudiziarie e spericolate manovre speculative finanziarie su Borsa e spread, senza contare i riassestamenti mediatici di Repubblica (con gli editoriali di Eugenio Scalfari) e Corriere della Sera (con fondi sempre più critici col governo) in linea proprio con le posizioni di Prodi, D'Alema e Letta. 

La manovra romana - Il "complottone" in stile Berlusconi 2011, che lo stesso Giorgio Napolitano si è premurato di smentire, è però una ipotesi che a Palazzo Chigi considerano da tempo, viste anche le crescenti difficoltà nel gestire il Pd in Parlamento. Il banco di prova decisivo sarà però la tornata elettorale. Secondo il Giornale, è a Roma che i dem anti-renziani si stanno organizzando al meglio per affondare il premier. Lo strumento è il sostegno compatto a Roberto Morassut, lo sfidante nelle primarie del renzianissmo Roberto Giachetti. Con Morassut ci sono, oltre a D'Alema e Pierluigi Bersani, anche Walter Veltroni, Goffredo Bettini e più defilato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. L'obiettivo non è solo far vincere Morassut, ma complicare la vita a Giachetti e Renzi anche a costo (o forse proprio per) consegnare la Capitale al Movimento 5 Stelle. Una sconfitta di quella portata, infatti, non potrebbe non provocare un terremoto a livello politico dentro il Pd.

Il "nuovo Monti" è Tito Boeri - Le grandi manovre degli ex premier, però, secondo il Foglio sono finalizzate alla sostituzione di Renzi con un "tecnico alla Monti": il nome è quello di Tito Boeri, presidente  Inps con pedigree assolutamente in linea con i profili graditi agli ambienti politico-finanziari internazionali. Professore ordinario di Economia del lavoro alla Bocconi, ex consulente del Fondo monetario internazionale, della Banca mondiale e della Commissione europea, senior economist all'Ocse dal 1987 al 1996, e ben visto anche a sinistra del Pd, Boeri è già entrato in conflitto con il premier sia sul Jobs Act che sul piano pensioni. Non sono casi, ma segnali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo.paolopistolato.pistolato

    06 Aprile 2016 - 09:09

    E da tanto tempo che l Italia ha capito che e Tito Boeri la personalità che può cambiare il paese, spero che succeda presto perche l Italia e allo stremo

    Report

    Rispondi

  • colletto

    15 Febbraio 2016 - 12:12

    . . . una persona con le p . . . . che sa quello che c'è da fare. . .. .senza bisogno di tante parole. . .

    Report

    Rispondi

  • irucangy

    14 Febbraio 2016 - 14:02

    Sono basito dai commenti. C'e' ne fosse uno che dica che il premier lo devono scegliere gli italiani. Boeri o chi per lui. Ma e' possibile che dopo 3 governi non eletti non si pensi che la cosa piu' importante e' che il premier lo scelgano gli italiani? La grancassa mediatica gira a pieno regime, la gente e' totalmente fuorviata su questo aspetto che in una libera democrazia e' il piu' importante?

    Report

    Rispondi

  • begeca

    14 Febbraio 2016 - 12:12

    siete mesi che pubblicate queste notizie invece pare che al parlamento si stiano tutti alleando con Renzi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti