Cerca

Il caso diplomatico

Salta il viaggio in Turchia della Commissione Esteri: l'uomo di Vendola è persona non gradita

Salta il viaggio in Turchia della Commissione Esteri: l'uomo di Vendola è persona non gradita

Il deputato di Nichi Vendola è persona non gradita in Turchia. Sarebbe questo il clamoroso motivo dell'annullamento della missione internazionale della commissione Esteri della Camera ad Ankara, prevista per il prossimo 22 febbraio. Una missione saltata, ha spiegato il presidente della Commissione Fabrizio Cicchitto, perché "i prossimi giorni saranno cruciali per il governo e il Parlamento turco, impegnati nei colloqui a Monaco sulla situazione in Siria". Ma dopo qualche minuto si scatena il caso diplomatico. L'esperto di esteri del Sole 24 Ore Alberto Negri svela il retroscena imbarazzante. Al governo di Erdogan non sarebbe andata giù la presenza tra i delegati italiani del deputato di Sinistra Ecologia e Libertà Erasmo Palazzotto, considerato dai turchi "intemperante" a causa delle sue posizioni apertamente filo-curde e assai critiche con Ankara. Proprio ieri Palazzotto aveva protestato ufficialmente con l'ambasciatore turco in Italia per la repressione militare a Cizre, dove negli ultimi due mesi sarebbero morti 100 civili.  


Sel furiosa - La reazione furiosa di Sel, riporta HuffingtonPost, non è si è fatta attendere. È partita una lettera alla presidente di Montecitorio Laura Boldrini "per difendere le prerogative del Parlamento", si parla di "irritazione e indignazione" e proteste ufficiali alla Farnesina. "Ci troveremmo dinanzi a un fatto gravissimo che necessiterebbe da parte della Camera dei Deputati e della stessa Farnesina di una presa di posizione netta e immediata - spiega all'HuffingtonPost il capogruppo di Sel Arturo Scotto -. È una questione che riguarda la libertà delle posizioni politiche nell'esercizio pieno delle funzioni parlamentari e persino, senza enfasi, la dignità nazionale di un paese". "Non sapevo nulla, ho appreso tutto questo da un amico che mi ha segnalato il post di Negri - ammette il diretto interessato, Palazzotto -. Lì c'è un silenzio tombale sulla questione curda. Non una parola sull'arresto dei giornalisti. Posso capire che tutto ciò non piaccia al governo turco, ma non al governo di Renzi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zim64

    30 Aprile 2016 - 07:07

    a me non sono graditi neppure in Italia.

    Report

    Rispondi

  • sergioperry

    22 Marzo 2016 - 18:06

    ma se in una nazione sovrana non sei gradito, perchè ci devi andare per forza? E se credono che protestare con la maestrina, leggi Boldrini, non hanno capito niente , in Turchia le Boldrini non vengono considerate, non perchè sono donne ma perchè non sono, politicamente e umanamente , nessuno

    Report

    Rispondi

  • Gianni Schicchi

    14 Febbraio 2016 - 13:01

    Il vostro apprezzamento per la Turchia mi commuove. Se penso che la totalita' di voi postatori fino a un minuto prima nemmeno la voleva nell'UE...ma la vostra capacita' di ruotare attorno al vostro asse di 180 gradi ormai non sbalordisce piu'. Fermo restando che nemmeno ko vorrei Vendola in casa mia, e non certo - come voi - per le sue propensioni sessuali, ma per quell'infame equiparazione da lui osata tra Carlo Giuliani e Falcone e Borsellino

    Report

    Rispondi

  • begeca

    14 Febbraio 2016 - 12:12

    ma lo decide la Turchia chi deve far parte della commissione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog