Cerca

Il retroscena

Meloni-Salvini, la verità sulla lite: cosa si nasconde dietro Bertolaso

Meloni-Salvini, la verità sulla lite: cosa si nasconde dietro Bertolaso

E' in corso un vero e proprio braccio di ferro tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Ma la prova di forza va ben oltre la scelta del candidato sindaco di Roma. In un retroscena del Il Giornale si evidenzia infatti come dietro il "niet" di Salvini su Guido Bertolaso non c'è solo l'intenzione di spostare l'asta verso Alfio Marchini ma anche sostanzialmente "insidiare la Meloni a Roma" che è un grosso bacino elettorale per Fratelli d'italia. La scelta di Salvini sarebbe un modo per scrollarsi di dosso l'etichetta di un partito a carattere regionale. Non è un caso la manifestazione del Carroccio di domenica a Roma in cui ci saranno le primarie per la scelta del candidato sindaco, una consultazione che avverrà sotto i gazebo disseminati nella Capitale.

La conclusione - Ed è evidente che i leghisti bocceranno Bertolaso. . "Ma di certo fa bene la Meloni a non arretrare di un passo, perché qualsiasi cedimento a Salvini su Roma equivarrebbe ad un' ammissione di sudditanza destinata a segnare il futuro", si legge nel retroscena tratteggiato dal quotidiano di via Negri. La conclusione non può che essere un compromesso più che la rottura sia perché andare a Roma con tre candidati sarebbe un suicidio, ma anche e soprattutto perché un'eventuale rottura potrebbe far saltare il banco nelle altre città. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • calaritai

    21 Febbraio 2016 - 19:07

    Meloni non mi è mai piaciuta presuntuosa ed arrogante Salvini dovrebbe capire che parliamo di sindaco di Roma quindi la scelta di Bertolaso sicuramente sarebbe piaciuta e forse meglio ancora Marchini lontano per ora dalle trame politiche. Fini, parlo da donna di destra, spinge per rientrare e come suo stile sparla di tutti con tono pesante ha perso credibilità......

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    21 Febbraio 2016 - 12:12

    La verità è che il centro-destra è una finzione e la "destra" è costituita solo da FdI. La candidatura di Bertolaso è sbagliata, una scelta improvvisata perché non c'è una figura autorevole su cui possa convergere il parere favorevole delle varie parti. Il nome migliore per Roma sarebbe stato Giorgia Meloni, ma dietro le dichiarazioni di facciata a nessuno dei finti-amici è mai stata gradita.

    Report

    Rispondi

  • morvan

    21 Febbraio 2016 - 11:11

    Salvi Meloni( Berlusconi ) se non state insieme farete la fine di Casini ,Fini, Alfano .Verdini.Fitto. e la sinistra se la ride Salvini x qualche numero in più di FI si crede un dio deve essere più umile. da noi c'è un detto(le palle dei cani i soldi dei poveri sono i primi che si vedono)

    Report

    Rispondi

  • fragra

    20 Febbraio 2016 - 18:06

    Mi chiedo perché Salvini persona intelligente, deve fare saltare tutto, solo per dimostrare che le decisioni le prende solo lui. Mi dispiace una delusione perché ritenevo potesse veramente essere un buon alleato, corretto per un centro destra nuovamente forte!!! Purtroppo anche per lui l'alter ego è più importante anche dell'Italia. Peccato

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog