Cerca

La decisione drastica del Cav

Berlusconi costretto a tagliarsi le palle. La scelta di Silvio per vincere

Berlusconi costretto a tagliarsi le palle. La scelta di Silvio per vincere

La storica remuntada alle politiche del 2013 di Forza Italia sembra ormai destinata a rimanere un ricordo isolato e forse l'ultimo acuto del Berlusconi politico. Contro un improbabile Pier Luigi Bersani leader del Pd, il ritorno del Cav rappresentò per il centrodestra un grande valore aggiunto che quasi portò a sfiorare il risultato. Dopo quel botto elettorale, dalle sezioni più sperdute del partito azzurro era partita la gara per piazzare il nome "Berlusconi" su simboli, bandiere e liste, era tornato un marchio vincente. Oggi però quel brand non lo vuole più nessuno, stando a quanto scrive Italia oggi, riportando le voci sempre più insistenti che arrivano all'ufficio di presidenza dai comuni chiamati al voto.

Lo scenario - Solo poche settimane fa, Berlusconi aveva assicurato agli europarlamentari che alle prossime amministrative il partito avrebbe usato il proprio simbolo per le liste in campo. Aveva anche aperto uno spiraglio alle liste civiche, con il consiglio di anteporre la parola "forza" davanti al nome del comune. Ora però quello spiraglio potrebbe diventare un portone spalancato, perché quella seconda opzione sembra la preferita di tanti responsabili locali. Il numero di liste con il simbolo di Forza Italia rimarranno prevalenti, ma il rischio sarà che a pesare di più in termini elettorali saranno le liste senza lo storico tricolore e il nome del presidente.

Cosa farà - In passato Berlusconi non aveva mai accettato di buon grado la concessione di piazzare candidati forzisti in liste diverse, ma simili, a quelle del partito. Oggi però non può permettersi di andare troppo per il sottile, con i sondaggi ancora troppo altalenanti, le scissioni continue che il partito ha dovuto affrontare, lo potrebbero costringere a una mediazione obbligatoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sordo

    26 Febbraio 2016 - 13:01

    Uno si può privare solo di quello che ha.Il Berlusca gli attributi li ha persi anni fa , voglio esser più preciso: chi va con il letta......

    Report

    Rispondi

  • Chry

    26 Febbraio 2016 - 09:09

    Successe vent'anni fa, si taglió gli attributi, ma accadde che il corpo si accasció al suolo e rimase solo in piedi il sacco scrotale, si trapiantó i capelli, governó e diresse l'Italia da vero coglione qual'è

    Report

    Rispondi

  • elon

    25 Febbraio 2016 - 16:04

    Magari fosse vero che si tagliasse gli attributi: sta affossando definitivamente il centro destra.

    Report

    Rispondi

  • europeoeuropeo

    25 Febbraio 2016 - 15:03

    Se al Governo ci sta Renzi è anche colpa di Berlusconi con i suoi tira e molla andando in soccorso della sinistra mantenendo il governo con Letta, Monti e poi aiutando in aula più di qualche volta Renzi. Se questi vari governi non avessero avuto gli aiuti da Berlusconi molto probabilmente si sarebbe già tornati a votare. Non mi fido più di Berlusconi e neanche di chi candida.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog