Cerca

Il vertice

Faccia a faccia tra Juncker e Renzi: ma prima lo smacco a casa di Re Giorgio

Faccia a faccia tra Juncker e Renzi: ma prima lo smacco a casa di Re Giorgio

Le schermaglie dei giorni scorsi tra Roma e Bruxelles si sono sciolte come neve al sole dopo il faccia a faccia a palazzo Chigi tra Matteo Renzi e il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. Incontro però solo successivo a quello tenuto dal lussemburghese e l'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Sui temi che più interessano i vertici europei, quelli economico-finanziari, è Renzi a fare qualche passo politico indietro: "Condividiamo la linea della Commissione sulla flessibilità - ha detto accanto a Juncker - Per noi il riferimento è quello che ha scritto la Commissione, non chiediamo di cambiare. Come è normale nella dialettica - ha aggiunto - abbiamo avuto elementi di visione diversa sulla banche e sulle polemiche per gli aiuto di Stato".

Immigrati - A Renzi non resta il tema dell'immigrazione per fare la voce grossa senza temere particolari reazioni: "Non possiamo immaginare la solidarietà monodirezionale, o si è solidali sempre o non lo si è mai. Mi auguro che Juncker possa vincere la sfida anche con altri capi di governo che non hanno la stessa sensibilità - ha ribadito il premier - noi abbiamo fatto la nostra parte su hotspot", e invece gli altri Paesi europei non hanno lavorato allo stesso modo: "su ricollocamenti e rimpatri. Auspico - ha detto ancora Renzi - che nei prossimi incontri vi sia una forte iniziativa europea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    27 Febbraio 2016 - 10:10

    La Cricca del Britannia è viva più che mai . I venduti sono sempre i soliti e Renzi è l'ultimo arrivato sulla scena.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    27 Febbraio 2016 - 09:09

    Per quei pochi che ancora negano il fatto che la democrazia in Italia sia ammalata, il percorso istituzionale Junckeriano li dovrebbe fare riflettere su questa loro testardaggine di volere ancora negare l’evidenza.

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    27 Febbraio 2016 - 08:08

    Purtroppo le leggi naturali a quanto pare non vigono per l'infame.....

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    26 Febbraio 2016 - 22:10

    Mattarella chi...................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog