Cerca

Altroché spending review

La truffa legale degli onorevoli: lo scandalo, quali soldi si intascano

La truffa legale degli onorevoli: lo scandalo, quali soldi si intascano

In epoca di tagli della spesa pubblica, i nostri parlamentari hanno trovato subito il modo per far lievitare lo stipendio. Praticamente, all'emolumento aggiungono la "diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma", ovvero, riporta il Giornale3.503,11 euro a testa per 12 mensilità (42.037,32 euro all'anno a testa) che moltiplicato per 952 parlamentari, tra deputati e senatori, fa 40.019.528,64.

La voce di spesa ha ovviamente un senso per chi non vive a Roma ma non per gli eletti nelle circoscrizioni Lazio 1 e Lazio 2: 26 senatori e 42 deputati che costano ben 2.858.537 di euro l'anno, ovvero 14 milioni e rotti per tutta la legislatura. Roberta Lombardi (M5S) aveva fatto notare la cosa alla responsabile Affari regionali di Montecitorio: "Scusi, ma io il rimborso per il soggiorno non lo voglio: tutte le sere mangio e dormo a casa mia". Risposta: "Non può. La diaria è irrinunciabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    11 Marzo 2016 - 14:02

    Ma i grillini non erano quelli che dovevano fare pulizia? Perché tacciono? Anche loro si sono adeguati

    Report

    Rispondi

blog