Cerca

Un mix perfetto

Raggi, il trionfo della candidata M5s. Le elezioni? Già vinte: ecco la prova

Virginia Raggi

È lanciatissima verso il Campidoglio, la M5s Virginia Raggi, fresca di investitura anche dell'autorevolissima stampa britsh, con l'Economist che de facto la ha incoronata ancor prima del voto. E la grillina, le carte in regola per sbancare nella capitale, le ha tutte. Soprattutto perché la Raggi non appare all'elettore come la grillina dura-e-pura, movimentista convinta e intransigente: per comprenderlo basta seguirla sui social. La sua è una politica più paludata, che viaggia in tandem a competenza, capacità oratorie e un'ottima presenza. Questa volta, la strategia pentastellata pare perfetta: al fianco della Raggi, infatti, è stato affiancato lo sconfitto alle primarie online, Marcello De Vito, che al contrario è un duro e puro con le Cinque stelle ben appuntate sul petto.

Ed è dunque in questo contesto che ai vertici del M5s stanno comprendendo come la Raggi sia in grado di calamitare il voto dei moderati, soprattutto a destra, e perché no, anche quelli della Lega Nord (che come è arcinoto, a Roma, sta sparigliando le carte, rompendo con Guido Bertolaso e Berlusconi; Salvini, infatti, ha anche detto chiaro e tondo che in caso di ballottaggio capitolino tra Pd e M5s sceglierebbe la Raggi, quasi un'investitura). E se la Raggi rastrella altri voti, la presenza di De Vito come suo probabile e papabile vice garantisce il massimo consenso tra i grillini. Un mix ben ponderato la cui naturale conseguenza potrebbe essere il trionfo elettorale della candidata Virginia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    14 Marzo 2016 - 09:09

    Brava, ha tutti i numeri, dite...Fosse eletta, fra sei mesi i Romani si chiederebbero perché cavolo ci sono cascati un'altra volta. Scommettiamo? Ahahah. "..che viaggia in tandem a competenza, capacità oratorie e un'ottima presenza. ". La forma non è che sia impeccabile; ma a prescindere da questo, sulla competenza a guidare un'amministrazione capitolina ho molti fieri dubbi. Ri- ahahah.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    12 Marzo 2016 - 17:05

    sono romano, e non capisco questa infatuazione generale per la grillina Raggi, in cui c'è cascato anche il Giornale (e credo anche Libero), nonchè a più alto livello il giornale economico The Wall Street Journal che pure si professa liberale (non liberal); se poi ci si mette anche Salvini che però ogni tanto dice cavolate allora è fatta... che votiamo a fare?

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    12 Marzo 2016 - 17:05

    wilegio - beh, non sei romano, ma sei abbastanza imbecille per votare costei, bravo ....

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    12 Marzo 2016 - 16:04

    Non sono romano, ma se lo fossi non avrei dubbi: al ballottaggio voterei sicuramente per lei. Tanto Bertolaso al ballottaggio non ci arriva: questo è poco ma sicuro.

    Report

    Rispondi