Cerca

La nota ufficiale

Napolitano, niente bis. Il Colle: "Non si ricandiderà al Quirinale"

"Ringrazio per gli apprezzamenti, ma il Parlamento dovrà eleggere un nuovo presidente della Repubblica. Ogni ipotesi è prematura"

Napolitano, niente bis. Il Colle: "Non si ricandiderà al Quirinale"

Niente bis al Quirinale per Giorgio Napolitano. Lo si apprende direttamente da una nota del Colle, secondo cui il presidente "ha da tempo pubblicamente indicato le ragioni istituzionali e personali per cui non ritiene sia ipotizzabile una riproposizione del suo nome per la Presidenza della Repubblica". "Egli - prosegue la nota - apprezza e ringrazia, nel loro significato di espressione di fiducia nei suoi confronti, dichiarazioni di varie personalità a favore di una sua eventuale ricandidatura. Ma al Parlamento in seduta comune con i rappresentanti delle Regioni spetterà eleggere un nuovo Presidente della Repubblica, e rispetto a ciò ogni ipotesi appare oggi prematura. Dal canto suo, il Presidente Napolitano non può che confermare le posizioni già espresse nel modo più limpido e netto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • locatelli

    02 Dicembre 2014 - 07:07

    napolitano ma lui pensa che e inmortale.. qualche duno glie lo devono dire

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    22 Febbraio 2013 - 16:04

    non risulta che la presidenza del colle sia sottoposta a elezioni dal popolo, forse per questoe per non bruciarsi alcuna possibilità non pone direttamente la candidatura. attende sviluppi.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    21 Febbraio 2013 - 23:11

    speriamo che vada a scaldare la potrona di senatore a vita così farà meno danni.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    21 Febbraio 2013 - 17:05

    Allo stato dell'arte ci sono tre posti vacanti: quello di Presidente del consiglio per il quale l'On. Berlusconi sta concorrendo; quello di Presidente della Repubblica al quale deve cominciare a puntare, e l'altro, il più importante, quello del soglio pontificio. Siccome il diritto canonico prevede anche la possibilità che possa essere eletto un Papa laico, bisogna candidarsi necessariamente promettendo guarigioni, ricchezze, remissioni di peccati senza penitenza, un posticino sicuro in paradiso, abolizione dell'inferno e del purgatorio. Si può fare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog