Cerca

Prove tecniche

Ncd, la proposta indecente a Berlusconi: così può cambiare tutto

Ncd, la proposta indecente a Berlusconi: così può cambiare tutto

Nel suo editoriale su Libero di oggi, venerdì 18 marzo, il direttore Maurizio Belpietro è stato chiaro: Meloni e Salvini stanno spingendo Berlusconi nuovamente verso Renzi. Un patto del Nazareno bis? Forse è ancora prematuro prevederlo, ma di certo fuori dentro e fuori Forza Italia si muove qualcosa.

"No alla destra di Salvini e Meloni" - Le parole dell'ex ministro Maurizio Lupi, uno degli uomini di Ncd più vicini agli azzurri, sono un segnale chiaro. Intervistato dal Corriere della Sera, Lupi vede nella frattura romana del centrodestra "un parricidio, l'epilogo del vecchio centrodestra per come lo abbiamo conosciuto finora". "Si è chiusa una fase - azzarda poi il presidente di Area popolar - ma può aprirsene un'altra: come ha fatto Sarkozy, che in Francia non si è alleato con il Front national ma ha riunito i tanti pezzi di centro e centrodestra e alle Regionali è tornato a essere protagonista, anche Forza Italia con Berlusconi può percorrere la stessa strada per far tornare centrali i moderati, e metterli in futuro in condizione di scegliere da una posizione centrale e di forza le alleanze". E il Front national italiano, ovviamente, sarebbe la Lega di Salvini. Lui e la Meloni, attacca Lupi, hanno fatto nascere una destra che non nasconde il suo volto lepenista, di cui Forza Italia non può diventare succube. "Deve invece riconquistare lo spazio naturale che spetta ai moderati: quello di rappresentare l'alternativa alla sinistra ma anche ai populismi di destra". 

"Silvio, stai con Marchini" - Un patto (clamoroso) tra Forza Italia e gli ex "traditori" di Angelino Alfano? Possibile, secondo Lupi, a cominciare proprio da Roma: come a Milano con Parisi, nella Capitale serve un altro candidato perché Bertolaso "persona capace, appare come espressione del passato". Su chi puntare allora? "La figura unificante sulla quale bisognava costruire era quella di Marchini, che noi sosteniamo. E se volesse Berlusconi potrebbe ancora imboccare questa strada, appoggiando la sua candidatura e ripartendo da qui per costruire una forte proposta moderata. Questo proprio nel luogo e dal momento in cui Salvini e Meloni hanno deciso di definire e far partire la loro legittima proposta di destra". E se Berlusconi convergesse su Alfio, allora "potrebbe aprirsi uno spiraglio importante" per riavvicinare Forza Italia e Ncd e ricostruire "l'area moderata", con tanti saluti a Salvini e Meloni (e anche a Renzi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziocosimo

    18 Marzo 2016 - 18:06

    cosa non si fa' per rimanere a gala, non hanno un briciolo di dignita' e orgoglio, ma di piu' berlusconi, eta' avanza dovrebbe portare consigli ragionevoli,ma lui e' peggio degli altri,mi hai fregato il voto x 20 anni adesso non mi freghi piu', come mi piacerebbe che si andasse alle politiche,sai quante ne vedremo....saluti

    Report

    Rispondi

  • volpedeldeserto

    volpedeldeserto

    18 Marzo 2016 - 11:11

    Riunitevi pure, il voto della destra non l'avrete mai, siete destinati a diventare kumunisti, traditori

    Report

    Rispondi

  • er sola

    18 Marzo 2016 - 10:10

    Tra le altre stronzate, ci vorrebbe anche quella di tornare insieme al traditore alfano ed alla sua ciurma di sfigati. Cavaliere non dare troppo retta alla fidanzata e controlla cosa ti mette nelle minestrine che ti prepara.

    Report

    Rispondi

blog