Cerca

L'ira di Silvio

Berlusconi medita vendetta:
vuole colpire i tedeschi

Berlusconi medita vendetta:
vuole colpire i tedeschi

 

di Salvatore Dama

Una fastidiosa congiuntivite costringe Silvio Berlusconi a disdire buona parte degli appuntamenti della penultima giornata di campagna elettorale. È da inizio settimana che se la porta dietro. Lunedì è stato visitato al San Raffaele, gli hanno prescritto del cortisone. Ma non c’è medicina per il fastidio che provocano al Cavaliere alcune dichiarazioni. Quelle di Martin Schultz per esempio: «Come si permette quel signore lì? Chiederemo le sue dimissioni», riferendosi all’appello fatto dal presidente dell’Europarlamento. Che, intervistato dalla Bild, ha invitato gli elettori italiani a non scegliere il leader del Popolo della Libertà. Ma si sa che, tra Schultz e Berlusconi, c’è una vecchia ruggine. Da quando l’ex presidente del Consiglio diede del «kapò» all’esponente della socialdemocrazia tedesca, quello se l’è legata al dito. Lo odia. (...)

Ed è in questo contesto, come spiega Salvatore Dama su Libero di venerdì 22 febbraio, che Berlusconi medita vendetta sui tedeschi. Il Cav è furibondo per gli attacchi che arrivano dalla Germania: "Chiederemo le dimissioni di Schulz da presidente dell'Europarlamento". Ma l'ex premier pensa anche alla chiusura della campagna elettorale: il comizio conclusivo di Berlusconi si terrà a Napoli, dove arriverà in treno.

Leggi l'approfondimento di Salvatore Dama su Libero di venerdì 22 febbraio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    12 Giugno 2013 - 08:08

    La proposta di Silvio di risarcire anche i tycoons é vero scarto da rottamare.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    23 Febbraio 2013 - 16:04

    Nell'82' o 83' i sindacati fecero un accordo aziendale particolarmente vantaggioso per la FIAT, che avrebbe dovuto usare il risparmio, da tale contratto derivato, per studiare e lanciare nuovi modelli e nuovi motori. L'ineffabile Gianni Agnelli sostituì, come AD, l'ingegnere meccanico Ghidella con il finanziere d'assalto Romiti, che usò tale risparmio buttandosi in speculazioni internazionali di ogni tipo, tutto questo mentre l'industria tedesca studiave e lanciava le auto del futuro! Ecco perchè questa azienda, perennemente assistita da noi italiani, è rimasta indietro! A proposito di "indicibile vergogna" si legga,in altra parte di questo stesso giornale, l'articolo dove si parla del tesoro nascosto della famiglia Agnelli, tesoro scippato a tutti noi. Con questi chiari di luna io compro dove è la miglior qualità al miglior prezzo, la lotta all'economia tedesca si fa con i fatti non col gretto nazionalismo. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    23 Febbraio 2013 - 12:12

    Stanno costruendo una nuova linea Sigfrido! Torna la comicità di "Candido" del compianto Guareschi? Voi di Libero non siete nemmeno degni di........!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Febbraio 2013 - 10:10

    la sfortuna é nostra dovuta a chi l'ha votato causando male anche agli altri. Meno male che sta facendo una fine politica da clown

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog