Cerca

Nuovamente nel mirino

Dopo la Guidi, tocca alla Boschi? Perché adesso il ministro può davvero saltare

Maria Elena Boschi

Travolta da un'intercettazione telefonica, l'ormai ex ministro Federica Guidi, a tempo record, ha rassegnato le dimissioni. Lei parla di "buona fede", ma la "spintarella" all'emendamento che tanto serviva al suo fidanzato (ora indagato) nell'ambito del caso Tempa Rossa, almeno stando agli atti dell'inchiesta, pare troppo evidente per evitarle di capitolare. Ed è curioso notare come, subito dopo il passo indietro, nelle reazioni delle opposizioni in un qualche modo nel mirino ci finisca Maria Elena Boschi, lambita dal caso poiché citata nelle intercettazioni ("la Boschi è d'accordo") e, soprattutto, più che lambita dal recente caso di Banca Etruria, l'affare di famiglia per il quale, però, non ha mollato lo scranno al dicastero delle Riforme.

Per esempio, Giorgia Meloni attacca su Twitter, dove scrive: "Prendiamo atto delle dimissioni del ministro Guidi. Un gesto doveroso che dovrebbe servire da esempio a qualche altro esponente del governo". E chi ha orecchie per intendere, intenda. Dunque si fa sentire Gaetano Quagliariello, con un messaggio "criptico" piovuto sempre su Twitter. "Per la seconda volta: Renzi ricordi per quale motivo ha chiesto le dimissioni della Cancellieri e ha fatto dimettere Lupi. #statesereni", ha cinguettato il senatore. Dunque Raffaele Fitto: "Dimissioni Guidi inevitabili. Governo non pensi di cavarsela così. Vicende politicamente opache in più settori", e anche qui ogni riferimento non è puramente casuale.

Non poteva mancare il - durissimo - intervento di Beppe Grillo, secondo il quale "le dimissioni del ministro Guidi sono un’ammissione di colpa, dimostrano il coinvolgimento del ministro Boschi e del Bomba che fanno l’interesse esclusivo dei loro parenti, amici, delle lobby e mai dei cittadini. Devono seguire l’esempio della Guidi e dimettersi subito: la misura è colma. Che altro deve succedere perché si schiodino dalla poltrona questi abusivi non eletti da  nessuno? I cittadini vengono prima dei papà banchieri indagati e dei compagni petrolieri. Basta battute, basta supercazzole, basta balle", conclude Grillo sul suo blog.

Fendenti contro il governo arrivano anche da Arturo Scotto, capo dei deputati di Sinistra italiana: "Le dimissioni della ministra Guidi sono un atto dovuto. Ma un problema resta: il conflitto d'interessi è la cifra prevalente di questo governo. Serve un chiarimento parlamentare".

Riuscirà il ministro Boschi a resistere a questo nuovo assedio e al fatto che il suo nome sia stato tirato in ballo anche in questo "fattaccio"? Per inciso, anche secondo Dagospia, "lei è la prossima"...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    01 Aprile 2016 - 08:08

    Insider traiding, salvapapà, intrallazzi, affari e affaristi, fidanzati e parenti, cene con i Casamonica, collegamenti con le COOP. Norme bocciate in commissione riproposte in mega emendamenti da approvare, acriticamente, a fiducia. Dirigenti di grandi imprese che hanno piena contezza dei progetti e delle iniziative del governo. Mi compiaccio. Il rottamatore ha fatto effettivamente un buon lavoro

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    01 Aprile 2016 - 06:06

    È tutto sto governo incapace e non eletto che si dovrebbe levare dalle palle

    Report

    Rispondi

  • er sola

    01 Aprile 2016 - 01:01

    Imperativo. Cacciare la boschi!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    31 Marzo 2016 - 22:10

    Mozione di sfiducia per questa falsa disonesta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog