Cerca

La replica

L'intercettazione, il ministro e il fidanzato, parla la Boschi: perché non mi dimetto

L'intercettazione, il ministro e il fidanzato, parla la Boschi: perché non mi dimetto

Dopo un giorno di polemiche, parla lei direttamente. Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi che è stata indirettamente coinvolta nello scandalo dell'intercettazione che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi.   "L’emendamento ’Tempa Rossà lo rifirmerei domattina: è compito mio, del mio lavoro di ministro, di portare avanti tutti gli emendamenti del governo che vengono presentati" ha dettiili, ministro delle Riforme Costituzionali, intervenendo a Bologna all’incontro promosso dal Pd dell’Emilia Romagna ’La Riforma che cambia l’Italià, organizzata dal Pd dell’Emilia Romagna sulla Riforma e il referendum Costituzionale. 

La difesa di Renzi - Nel suo ultimo giorno di viaggio americano, Matteo Renzi rintuzza le critiche, saluta con toni affettuosi Federica Guidi, difende Maria Elena Boschi e tira la frecciata. Da questo governo, per un caso di opportunità, ci si deve dimettere - spiega - da altri governi non lo si è fatto. Riferimento più che esplicito al suo predecessore Enrico Letta, il cui ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, finì nelle peste, anche lei, per una «telefonata inopportuna», ma non si dimise. Ecco allora il presidente del Consiglio tracciare la linea: noi abbiamo  criteri ben più rigidi di chi potrebbe aver voglia di farci la morale. Quanto a quell’emendamento alla Finanziaria dello scorso anno, innanzitutto sia chiaro che  "il progetto Tempa Rossa e sacrosanto, ed è da portare avanti". Quindi l’aver Maria Elena  Boschi firmato quell’emendamento rientra nella linea politica del governo. Di più: il ministro per i rapporti con il Parlamento firma tutti gli atti di questo tipo per suo ruolo istituzionale. Pertanto, sarebbe assurdo se anche nel caso specifico non l’avesse fatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vacabundo

    03 Aprile 2016 - 10:10

    La signorina,non si dimette ,ancora deve salvare suo padre e suo fratello maggiore dalla bancarotta fraudolenta,appropriazione indebnita etcc etcc.Ditemi voi se non è mafia questa?Mentre essendo ministra, ha fatto assumere suo fratello minore nelle coop rosse:E migliaia di giovani, laureati e forse con maggior preparazione,intelligenza e cultura, aspettano come fessi e loro che ancora aspettano

    Report

    Rispondi

  • vi.giovine

    02 Aprile 2016 - 12:12

    Messaggio inviato alla zarina Maria Elena. "L’emendamento ’Tempa Rossa' lo rifirmerei domattina: è compito mio, del mio lavoro di ministro, di portare avanti tutti gli emendamenti del governo che vengono presentati" Tutti gli emandamenti? Tutti? Ma che cavolata dici? E allora che cavolo ci stai a fare là. bimbina? Se basta un timbro, basta un usciere, un fattorino.. Perchè ti pagano, se non de

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    02 Aprile 2016 - 10:10

    Ma certo che rifarebbe tutto. Molti sinistri sono convinti che distruggere, rubare, insultare siano tutte cose normali. E' nel loro DNA pertanto credono d'essere nel giusto. Tanto poi altrettanti magistrati progressisti li mettono al riparo da ogni legge.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    02 Aprile 2016 - 09:09

    Questa signora ha la faccia come il c..o. Nn si è dimessa quando il suo immane conflitto di interessi è esploso davanti a tutti gli italiani e ora ci dice che reinserirebbe quella norma di nuovo per l'approvazione. Peccato che la norma in oggetto fosse stata già bocciata in parlamento e, forse, in un paese democratico si sarebbe dovuta discutere in aula! NN approvarla a fiducia senza dibattito!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog