Cerca

L'intervista

La confessione di Renzi all'Annunziata: le parole che cambiato tutto

La confessione di Renzi all'Annunziata: le  parole che cambiato tutto

"Ho scelto io di fare questo emendamento e lo rivendico con forza". Lo dice Matteo Renzi a In mezz’ora su Tempa rossa. In Italia "ci sono opere pubbliche bloccate per anni, e anche quelle private. L’idea di sbloccare le opere l’abbiamo presa noi e la rivendico per Tempa Rossa, per Pompei, per Bagnoli",  Risponde a quanti accusano il governo "di fare delle lobby"  e, sempre nell'intervista dice: "Noi che abbiamo fatto la legge sui reati ambientali, approvato pene più dure sulla corruzione, chiamato Cantone all’Anac che ha salvato l’Expo con Sala, il conflitto d’interessi ora al Senato dopo la prima lettura, mi fa schiantare dalle risate tecnicamente parlando". Chiarisce la sua posizione e precisa: "Se qualcuno ha pagato tangenti o ha fatto  degli illeciti in quel caso voglio che sia scoperto, chiedo ai magistrati di fare il massimo degli sforzi. Noi non sapevamo delle indagini, ma è giusto così, c'è la separazione dei poteri". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    04 Aprile 2016 - 08:08

    Lei lo guarda compiaciuta... ma siamo sicuri guardasse lui?

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    04 Aprile 2016 - 03:03

    Lo sbruffone si assume la responsabilità dell'emendamento perché si sente il Dio in terra. Come dire se l'ho voluto io, è giusto e non devono esserci discussioni

    Report

    Rispondi

  • lauro.berchicci

    03 Aprile 2016 - 21:09

    ma alla fine si decidono a dire chi ha fatto questo benedetto emendamento ?

    Report

    Rispondi

  • marystip

    03 Aprile 2016 - 19:07

    Un fanfarone, un imbonitore cui crede il 33% degli italiani. Manco fosse la Boschi che, almeno, gli attributi più godibili ce l'ha.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog