Cerca

centrodestra diviso

Stefano Parisi: "Sì ad una moschea a Milano". Salvini: "Mai con noi al governo"

14
Stefano Parisi:

Dopo quello di Bertolaso e i rom a Roma, un nuovo caso frattura il centrodestra: è quello di Stefano Parisi, candidato sindaco a Milano. Parlando di moschee, Parisi ieri aveva dichiarato che il capoluogo lombardo avrebbe dovuto avere una moschea, seppur da aprire con regole certe e garanzie relative agli imam e alla sicurezza. Parole alle quali oggi è seguita la dura replica del leader della Lega Matteo Salvini: "La  moschea possono farla dove vogliono, ma fuori Milano. A Milano no. A Milano spazio per una moschea non ce n’è. Questo sia ben chiaro" ha detto il leader del Carroccio a margine dell’incontro Scuola di Formazione politica. E ancora: "Dove c’è la Lega in amministrazione, in questo momento storico, una moschea non ci sta. E chi governa con la Lega in questo momento aspetta che l’Islam diventi una religione matura, moderna tollerante e rispettosa, cosa che oggi non è. Quindi oggi chi governa con la Lega non dà nemmeno mezzo metro quadro per una moschea".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • begeca

    04 Aprile 2016 - 11:11

    secondo me il centro destra non vuole vincere

    Report

    Rispondi

  • bettym

    04 Aprile 2016 - 09:09

    Ora basta davvero!! 1° Nessuna nuova moschea su territorio italiano! 2°Quelle già esistenti, già troppe, dovrebbero essere obbligate a: fare solo ed esclusivamente funzioni in italiano 3°essendo luoghi di culto, aperti a chiunque voglia entrarVi (purchè vestito decorosamente) 4° Basta dettare legge nei paesi ospitanti. A chi sta bene,m ok, altrimenti ci sono i barconi di rientro.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    04 Aprile 2016 - 08:08

    Mi sembra che questi candidati Berlusconiani cerchino tutte le strade per perdere le elezioni. Avanti a dire corbellerie!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media